Croce Rossa e Lidl Italia insieme per il progetto “Sano è Buono”

Feb 21st, 2020 | Di Redazione | Categoria: Trade e distribuzione


Sensibilizzare i più giovani ad una sana e corretta alimentazione, alla lotta allo spreco del cibo e alla conoscenza degli alimenti. Questi gli obiettivi del progetto “Sano è Buono” che la Croce Rossa, in partnership con Lidl Italia, catena leader di supermercati, porterà avanti fino a maggio 2020 attraverso azioni nelle scuole, nelle piazze e nei punti vendita dell’Insegna.

Durante la prima fase del progetto, che ha coinvolto oltre 500 studenti, si sono svolti incontri formativi e workshop nelle scuole primarie e secondarie di primo grado delle sei città che hanno aderito al programma: Roma, Cagliari, Molfetta, San Donà di Piave, Rossano e Senigallia. Gli studenti hanno inoltre partecipato ad un concorso di disegno sul tema della sana alimentazione. Tra tutti gli elaborati, una giuria di esperti ha decretato l’opera vincitrice che verrà stampata su delle shopper in edizione limitata.

Ora si apre la seconda fase che, a partire da aprile 2020, vedrà giovani volontari CRI formati sul tema della sana alimentazione presenti nei punti vendita Lidl delle città coinvolte per un’attività di sensibilizzazione e informazione rivolta alla clientela.

Attraverso una donazione destinata a finanziare le attività CRI, sarà possibile ricevere la shopper con il disegno vincitore del concorso. Inoltre, volontari CRI, studenti e rappresentanti Lidl saranno presenti, insieme, nelle piazze delle sei città italiane interessate, nei week-end di maggio e giugno, con giochi e attività interattive rivolte a grandi e piccoli.

Related posts:

  1. Pam Panorama promuove la campagna “insieme a te per l’Italia” per supportare il Made in Italy nell’emergenza
  2. Fashion addicted - Lidl Sportwear i segreti della linea low cost
  3. Indagine Nucis Italia: Sei italiani su 10 sono salutisti solo a parole. Così lancia il progetto “Frutta Secca è Benessere”
  4. È a Pordenone il supermercato più economico d’Italia, a Cuneo il più caro. La “geografia della convenienza” secondo Altroconsumo