Da Roma all’Italia intera, la guerrilla emozionale di Laboratori del Brand per Gabio - emozioni floreali

Mar 10th, 2021 | Di Redazione | Categoria: UAU Communication


Stupore, meraviglia, e questo basterebbe ad identificare una azione di @uaucommunication, ma ancora gratitudine, commozione: queste sono solo alcune delle emozioni provate da circa 2mila donne che l’8 Marzo 2021 hanno trovato nella propria cassetta della posta un ramoscello di mimosa con annessa “Ode alle Donne”.

Mimose nella cassetta della posta: l’iniziativa di Laboratori del Brand

La singolare iniziativa è stata messa in atto in occasione della Festa della donna dall’agenzia Laboratori del Brand per Gabio – Emozioni Floreali.
Si tratta di una campagna di guerrilla marketing, emozionale, in cui LDB (grazie al supporto della troupe di Loreti Foto) ha filmato in tempo reale le reazioni delle donne di tutte le età, mentre si apprestavano ad aprire, con stupore, la propria cassetta della posta, notando un pensiero floreale del tutto inaspettato.

Il video, condiviso sui social e diventato virale in poco tempo, ha raggiunto persone in ogni parte d’Italia e ha dimostrato, qualora ce ne fosse ancora bisogno, che non sempre per una campagna mediatica di grande risonanza occorre avere budget smisurati. Un’idea tanto semplice quanto inesplorata ha generato un passaparola che ha accesso i riflettori dei media nazionali su Laboratori del Brand.

«Un pensiero inaspettato che ha emozionato migliaia di persone. Un piccolo grande gesto fonte di felicità»: queste le parole inserite nello spot e che commentano l’iniziativa di marketing emozionale portata avanti dall’agenzia, ricordando che bastano anche solo dei piccoli gesti per entrare nel cuore delle persone e regalare un sorriso.

Related posts:

  1. Quando Folletto andò di guerrilla a Roma e Milano con ultracorpuscoli e robot pasticcioni
  2. Osservatorio QVC: Il “Valore” dei Sentimenti e delle Emozioni legati ai consumi
  3. Violenza donne: flash mob a Roma, uomini con mascherine rosse
  4. Per i 65 anni Vespa ed i 150 anni Unità d’Italia a Roma