DeRev stila il primo listino per mercato italiano dell’influencer marketing

Lug 20th, 2021 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Comunicazione, Marketing


Più cresce la fanbase, più la forbice si allarga e gli influencer di Facebook appaiono davvero come i più “poveri”: un Mega Influencer (scalino più alto della classifica) può sperare di guadagnare massimo 5mila euro a post, ben lontani dai 25mila di YouTube o dai 15mila di Instagram e TikTok. Proprio perché è più dura crearsi il seguito, e perché realizzare video anche piuttosto articolati richiede tempo e perizia, YouTube è la piattaforma dove un influencer guadagna di più.

Instagram e TikTok risultano appaiati a mezza via. Sono canali diversi, con target e modalità di fruizione non assimilabili, ma sono piattaforme affollate di influencer di tutte le categorie, con una grande fetta di interessanti Mid-Tier e Macro Influencer. Possono guadagnare dai 50 euro a post fino a migliaia, senza contare le cifre esorbitanti delle celebrità.

Viene premiata, insomma, la capacità di farsi largo tra una concorrenza serrata e l’obbligo di affermarsi con una reputazione e dei contenuti capaci di attirare e trattenere l’attenzione. Infine, va tenuto conto che, su qualsiasi piattaforma, il costo di un post oscilla nel range di riferimento sulla base del tipo di collaborazione, ovvero se si tratti di semplici forme di Brand Ambassador e affiliazioni, o delle più complesse come Branded Content (anche Unboxing), Campagne continuative e Takeover (l’influencer gestisce direttamente i canali aziendali per un periodo di tempo predefinito).

Related posts:

  1. La classifica dell’osservatorio influencer marketing di Buzzoole
  2. MARKETERs Generation 20: la rilevanza di content creator e influencer tra personal branding, marketing e comunicazione
  3. Le influencer si sono alleate ed è nato il primo sindacato di categoria
  4. Green influencer: cosa fa e chi sono i più seguiti