Digital media trends 2022: la ricerca di Deloitte

Il report sulle tendenze dei media digitali di Deloitte si espande oltre il mercato statunitense nel 2022, rilevando trend anche da Brasile, Germania, Giappone e Regno Unito. I risultati del sondaggio di quest’anno rivelano significativi – e spesso sorprendenti – cambiamenti nel comportamento dei consumatori in tutto il mondo. Ecco alcune delle tendenze principali.

I problemi di mantenimento dei video in streaming continuano

Guardare la TV e i film a casa è rimasta la prima scelta di intrattenimento tra gli intervistati in generale, ma molti – soprattutto le generazioni più giovani – sono frustrati con i loro servizi. La generazione Z è la più concentrata sul controllo dei costi e sono tra quelli più propensi a cambiare servizio per usufruire di contenuti a condizioni più vantaggiose.
La ricerca di contenuti attraverso molti servizi e la perdita di contenuti quando lasciano un servizio sono state le principali lamentele.

I consumatori stanno divorando i contenuti generati dagli utenti (UGC)

Circa l’80% degli utenti statunitensi dei social media sono su questi siti almeno ogni giorno.
L’UGC è diventato un riempi-tempo; molti consumatori trovano irresistibile il flusso di video personalizzati alimentati da algoritmi, video gratuiti, di dimensioni ridotte che sono disponibili sempre e ovunque.

Ed è in competizione per l’attenzione con altre attività di intrattenimento: negli Stati Uniti, circa la metà dice di guardare più contenuti generati dagli utenti rispetto a sei mesi fa, e la metà passa sempre più tempo a guardare UGC di quanto aveva pianificato – mentre il 70% della Gen Z ha difficoltà a staccarsi.

Gli influencer stimolano il commercio sui social in tutto il mondo

I creatori di contenuti popolari possono diventare influencer, utenti con un grande seguito i cui stili di vita e raccomandazioni di prodotti possono diventare potenti catalizzatori di vendite. Collaborare con gli influencer giusti può aiutare i marchi a raggiungere le comunità desiderate e, sempre di più, a vendere, vendere, vendere.

Gli influencer hanno peso in tutto il mondo: l’88% degli intervistati in Brasile segue un influencer, così come il 79% degli intervistati in Giappone. Negli Stati Uniti, un terzo (e più del 50% dei Gen Z e dei Millennials) dice che influenzano le loro decisioni di acquisto.

La frenesia del gioco è globale, sociale e inarrestabile

Il gioco/video gaming online sta entrando in una nuova fase di crescita e popolarità. Circa la metà dei giocatori negli Stati Uniti afferma che il gioco ha sottratto tempo ad altre attività di intrattenimento: più dell’80% dice di giocare frequentemente o occasionalmente e la metà dei possessori di smartphone gioca quotidianamente su uno smartphone.

I giocatori della generazione Z e Millennial giocano di più (in media 11 ore e 13 ore a settimana, rispettivamente), ma la generazione X è vicina, con una media di 10 ore a settimana.
I numeri sono simili tra gli altri Paesi: la maggior parte degli intervistati nel Regno Unito (75%), Germania (78%), Brasile (89%) e Giappone (63%) gioca ai videogiochi frequentemente o occasionalmente.

Le esperienze di gioco confondono il mondo virtuale con quello reale

I videogiochi stanno aprendo la strada verso un futuro digitale ancora più personale e sociale, un futuro in cui la vita digitale e quella reale convergono. Circa la metà dei giocatori statunitensi dice che giocare li ha aiutati a rimanere in contatto con altre persone, mentre quasi il 60% dice che giocare li ha aiutati a superare un momento difficile. E il 61% dice che personalizzare il proprio personaggio di gioco o avatar li aiuta a esprimere sé stessi.

Man mano che le esperienze di gioco diventano sempre più sofisticate e multistrato, stanno costantemente confondendo i confini tra mondo reale e virtuale, avvicinandoci sempre di più alla promessa del Metaverso.

Contatti

Address

Via Andrea Costa 7, Milano, 20131 Milano IT

Phone

Phone: +39 02.2610052

Email

redazione@marketingjournal.it