D’oh come d’ohnut, ciambelle in Australia

Lug 9th, 2021 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Comunicazione, Marketing


Poche battute sono iconiche quanto il d’oh di Homer Simpson e pochi prodotti immaginari sono legati a quella serie incredibilmente popolare quanto le ciambelle.

Tanto l’esclamazione D’oh, quanto le “ciambelle..” sono entrate talmente nella nostra cultura che non potrebbero essere associate a nessun altro personaggio.

Trattandosi di uno degli show più longevi e fortunati della storia della televisione, qualcuno in Australia ha pensato che fosse una buona idea mischiare questa espressione con la parola “donut” e usarle per lanciare una versione reale dei dolci tanto amati da Homer.

Assieme alla birra Duff, le ciambelle sono i cibi più chiaramente associati a Homer, infatti anche la birra ha avuto il suo lancio nella vita reale, nonostante numerosi tentativi della Fox di impedirlo.

Le ciambelle invece sono state sugli scaffali solo in Australia e per un breve periodo, fatte con cioccolato bianco, gusto fragola e ovviamente ricoperte di zuccherini colorati, un prodotto insalubre come pochi, ma che un po’ tutti vorremmo provare.

Qui arriva il nocciolo della questione, sono abbastanza sicuro che sarebbero una grandissima delusione, dolciastre, un po’ stantie, con effetto mappazza tipo buondì, ma anche io la curiosità di provarle la sento, forse resisterei a comprarle, ma non potrei giurarlo.

Perché anche se lo sai questo genere di iniziative funzionano ugualmente.

#marketing #packaging #psicologia #fortunatomonti #marketingjournal

Fortunato Monti
Web & Social Marketer & Content Creator
fortunato.monti@gmail.com

Related posts:

  1. Il distributore di ciambelle Boohoo che raccoglie i dati degli studenti
  2. Le stelle sull’etichetta dei prodotti funzionano (almeno in Australia e Nuova Zelanda)