Dopo Diageo, anche Pepsico programma l’adozione di bottiglie di carta per le bevande analcoliche

Lug 24th, 2020 | Di Redazione | Categoria: Packaging


Dopo l’annuncio del gruppo Diageo sul lancio della prima bottiglia di distillato interamente realizzata senza plastica e a base di cellulosa, anche PepsiCo ha comunicato la propria adesione al consorzio Pulpex per sviluppare la prima bottiglia di carta riciclabile al mondo per le proprie bevande analcoliche

Attraverso questo sforzo innovativo, PepsiCo sta facendo un altro passo verso l’obiettivo di ridurre del 35% il contenuto di plastica vergine nel settore delle bevande entro il 2025. Il gruppo sta anche lavorando per rendere il 100% degli imballaggi riciclabili, compostabili o biodegradabili entro il 2025. Grazie a questa partnership e ai continui sforzi, il gruppo continua a guidare i progressi verso un’economia circolare in cui la plastica non deve mai diventare uno spreco, concentrandoci sulla riduzione, il riciclaggio e la reinvenzione degli imballaggi per i consumatori.

“Soluzioni innovative e partnership sono fondamentali per guidare progressi significativi verso un’economia circolare. Il consorzio Pulpex è ben posizionato per offrire imballaggi sostenibili su vasta scala e in tutti i settori, con un impatto che va oltre quello che qualsiasi organizzazione potrebbe ottenere da sola. Siamo orgogliosi di farne parte. “mSimon Lowden Direttore della sostenibilità PepsiCo

Related posts:

  1. Diageo nella storia: realizzata la prima bottiglia di distillato al 100% plastic free
  2. Carlsberg svolta green: presenta le prime bottiglie di birra in carta e i cartoni di pizza riciclabili
  3. Dopo la ressa, rallenta la crescita dei consumi in gdo soprattutto vino, birra e bevande
  4. Goodbye plastica! Il packaging Probios da oggi va nella carta