E-commerce e social media: con il social commerce si vende meglio

Mag 4th, 2021 | Di Redazione | Categoria: Breaking News, Marketing


Si parla molto sia di e-commerce che di social media: adesso vorremmo occuparci della loro convergenza.

Infatti il mondo dell’e-commerce sta dimostrando una notevole vivacità sotto la spinta dei Social Media. Ergo, il Social Commerce funziona. Mi spiego.

Secondo quanto emerge dai dati di provenienza delle vendite di una delle principali piattaforme social-commerce italiana, Facebook e i blog si rivelano dei canali di vendita online estremamente efficaci ed in generale i Social Media hanno grandi potenzialità nel successo dell’e-commerce.

Per chi non lo sapesse una piattaforma di social-commerce è un sito e-commerce che sfrutta appieno i vantaggi di condivisione, fiducia e raccomandazione dei social network, concedendo l’apertura di uno store e la successiva vendita sulla piattaforma, sul proprio sito/blog e su Facebook (con un Facebook Store): nulla a che vedere con i veri e propri siti e-commerce aziendali, ma come spazio “aggiuntivo” (per chi ha già un e-commerce) o come spazio “sperimentale” (per piccoli venditori) può essere una validissima soluzione.

Con il web 2.0 la buona norma di instaurare e mantenere relazioni con i clienti é diventata un must, poiché i clienti sono diventati parte del processo produttivo o di erogazione dei servizi. A questo scopo perciò servono i Social Media e siti come i blog, dove la mera comunicazione si fa interazione, condivisione e relazione. Dal dialogo costante e proficuo con i clienti nascono allora nuove e continue opportunità di vendita e di business.

Nell’esperienza di Blomming il 40% delle vendite avviene via social media, di cui il 30% dalle condivisioni dei link su Facebook o negli shop online mentre il restante 10% proviene da Twitter, Pinterest e YouTube. Per quanto riguarda invece i blog e i siti dei venditori, questi generano il 42% degli scambi, di cui Blogger, il blog network di Google da solo conta per il 4%.

Inoltre, su Blomming si registra un aumento delle vendite dal nuovo Social Marketplace e dall’applicazione mobile, sebbene introdotti solo pochi mesi fa.

Morale? Il Social Commerce, ovvero l’evoluzione social del commercio online, si basa sull’engagement: un buon commerciante deve saper instaurare, alimentare e mantenere le relazioni, anche e soprattutto online. Deve inoltre saper far leva sul meccanismo di condivisione, raccomandazione e fiducia che si crea tra gli utenti: acquirenti e potenziali tali. Chi si destreggia bene su blog, Facebook, Pinterest e altri Social Media é passibile di ottenere migliori risultati di vendita.

Che fare dunque?

Possessori di siti e-commerce (approfondisci l’argomento se non ne hai ancora uno e vuoi un preventivo o una consulenza gratuita) e non: non trascurate le relazioni coi vostri clienti sul web.

Al contrario, curatele ed alimentatele tramite i Social Media e strategie di Social Media Marketing, nella consapevolezza che il consumatore moderno é molto più di un mero cliente.

via www.artistiko.net

Cos’è esattamente il social commerce?

Il social commerce è un tipo di vendita che si realizza direttamente nelle diverse piattaforme social. Al posto di usare le piattaforme per dirigere traffico al sito del brand, si vendono i prodotti direttamente alle persone attraverso i social.

Quando Facebook ha introdotto per la prima volta il pulsante di “Acquisto” sulla sua piattaforma nel 2014, ha piantato un seme che ora si è trasformato in un metodo di vendita molto popolare. L’offerta di Facebook da allora si è evoluta e ha ispirato altre piattaforme a seguire il suo esempio.

Il pulsante di acquisto diretto è nato su Messenger di Facebook nel 2014 fornendo agli utenti altri strumenti per acquistare senza uscire dalla piattaforma. I social del social commerce più popolari oggi sono: Instagram, Twitter, Pinterest e Facebook.

Related posts:

  1. Social Commerce: Facebook annuncia Shops su WhatsApp e altre novità
  2. Professione social media manager. Strategie, tattiche e strumenti per i professionisti del social media marketing di Veronica Gentili
  3. Ecco le federazioni sportive italiane più «efficaci» sui social media
  4. 5 falsi miti del social media marketing