Earth hour, evento mondiale del WWF, ‘Speak up for nature’ un’ora al buio dalle 20,30 per emergenza clima e natura

Mar 27th, 2021 | Di Redazione | Categoria: Breaking News

“Anche quest’anno torna Earth Hour che coinvolgerà decine di milioni di persone in tutto il mondo. Queste persone attraverso un gesto simbolico, quello di spegnere le luci per un’ora, chiederanno ai governi, alle aziende e ai cittadini di fare presto, di far diventare realtà quella rivoluzione verde che fino ad oggi è stata solo nelle parole e negli annunci” dichiara la presidente del Wwf Italia Donatella Bianchi che aggiunge:

“In questa edizione il Wwf chiede a tutti di ‘dar voce alla natura’, di pretendere che si dia il giusto valore al nostro capitale naturale che alla base della nostra salute, del nostro benessere, del nostro cibo, della nostra acqua, della nostra aria: in una parola della nostra vita.

Difendere la biodiversità significa difendere il futuro dell’umanità e la qualità della nostra esistenza sul Pianeta. Allora tutti insieme ‘Speak up for nature’ con la consueta ora di buio che rappresenta la richiesta, forte, decisa ed inequivocabile di un futuro diverso. Per tutti noi e per chi verrà dopo di noi”.

Ricorre infatti il 27 marzo, l’Earth Hour - l’Ora della Terra, l’evento globale non convenzionale del Wwf che culminerà questa sera alle 20.30 con un’ora di buio per sensibilizzare l’opinione pubblica e i governi sull’emergenza climatica e sulla necessità di tutelare la natura.

“Speak Up For Nature” (Parla per la Natura) è il claim scelto per l’edizione 2021 di questo evento nato nel 2007, quando fu coinvolta la sola città di Sydney, per diventare negli anni successivi “la grande ola di buio che si è rapidamente propagata in ogni angolo del Pianeta, lasciando al buio piazze, strade e monumenti simbolo”.

Nuovo pack che rispetta la natura per i grissini Biscopan

  • Violenza sulle donne: Mattarella, è ancora emergenza pubblica
  • 5 lezioni di etica nel business dalle favole
  • Coldiretti: “l’agroalimentare è l’unico settore che resiste all’emergenza coronavirus e diventa settore traino del Made in Italy”