Effetto finestra rotta… di Fortunato Monti

È una teoria criminologica, derivata da alcuni studi nati per verificare l’influenza del disordine urbano e del vandalismo nell’originare comportamenti anti-sociali.

L’esperimento più famoso venne condotto nel 1968 da Philip Zimbardo, un professore di Stanford.

Per questo esperimento due automobili identiche vennero abbandonate in strada, la prima nel Bronx, la seconda a Palo Alto in California.

Come era logico supporre l’automobile abbandonata nel Bronx venne rapidamente smantellata, mentre quella di Palo Alto restava intatta.

Sarebbe stato facile concludere che la causa di questo fosse da attribuire alla povertà e alla criminalità dilaganti nel Bronx.

Dato che dopo circa una settimana la vettura di Palo Alto era ancora intatta, i ricercatori decisero di modificare la situazione.

Si limitarono a rompere un vetro alla macchina e constatarono che dopo questa minima variazione l’auto diventava vittima della stessa dinamica di vandalismo registrata nel Bronx.

Le conclusioni dello studio furono che un singolo atto anti-sociale ha influenza su comportamenti simili o anche più gravi.

Bagni poco puliti, scrivanie in disordine, cestini non vuotati, sembrano dettagli nell’economia di un’azienda, in realtà possono influenzare molto negativamente i comportamenti sul posto di lavoro, aumentando i ritardi, l’assenteismo o peggio.

Un consiglio che i ricercatori hanno dato alle aziende fu quello di cambiare gli orari di pulizia dell’ambiente di lavoro.

Normalmente si cerca di non intralciare l’operatività dei dipendenti, programmando la pulizia degli uffici la sera, quando gli uffici sono chiusi.

Uno studio ha però dimostrato gli effetti benefici sui dipendenti del vedere fisicamente l’ambiente di lavoro che viene curato e ripulito.

Questa semplice modifica ha aumentato l’efficienza sul lavoro e anche lo stato in cui gli ambienti venivano lasciati dai dipendenti.

Su questa stessa teoria si è basato il programma di Rudolph Giuliani per riqualificare l’ambiente urbano di NewYork e ridurre la criminalità.

A volte i dettagli fanno la differenza.

<a href=’https://www.marketingjournal.it/wp-content/uploads/2021/06/fortunato-monti3.jpg’><img src=”https://www.marketingjournal.it/wp-content/uploads/2021/06/fortunato-monti3.jpg” alt=”” title=”fortunato-monti3″ width=”200″ height=”200″ class=”alignnone size-medium wp-image-43811″ /></a>

Fortunato Monti
Web & Social Marketer & Content Creator
fortunato.monti@gmail.com

#Marketing
#Comunicazione
#FortunatoMonti
#NoSignalComunicareMaleSuiSocial
#psicologia
#marketingjournal

Contatti

Address

Via Andrea Costa 7, Milano, 20131 Milano IT

Phone

Phone: +39 02.2610052

Email

redazione@marketingjournal.it