Elezioni Regionali Campania, a Caserta spuntano i manifesti con Calimero e Sailor Moon, Homer e Puffetta

Set 4th, 2020 | Di Redazione | Categoria: Unusual Communication


“Prima gli italiani” con Calimero. Il manifesto 6 metri per 3, in tutto e per tutto di tipo elettorale, richiama i colori più in voga in questo periodo di Elezioni Regionali: il vecchio ma efficace’ verde Lega’ di Salvini e il blu usato da liste e alleati di Vincenzo De Luca in Campania.

Anche la politica va di marketing non convenzionale e di comunicazione inusuale per meglio farsi notare e catturare l’attenzione e magari il consenso

È comparso a Caserta: inevitabili fotografie e condivisione e l’effetto viralità è scattato praticamente subito. Non è l’unico: “Libera, forte, coraggiosa”: vedi Sailor Moon

e Goku che ovviamente vuole salvare il pianeta.

Non manca Homer dei Simpson con l’invito “Bevi in modo responsabile”

e nemmeno Puffetta con il manifesto ” Pari diritti per tutte le quote rosa”

Anche Holly si fa notare con “Prometto una stadio in-finito

e non è da meno l’Ispettore Gadget con “Hop hop Lanciafiamme”

Completano il ciclo rappresentativo i mega poster di Lady Oscar con lo slogan ” Genitore 1 Genitore2″

e Pollon con “Serve a darti l’allegria”

Tutti cartoni animati notissimi negli anni Novanta (Calimero è ancora più vecchio, datato 1963 e nato come pubblicità della Miralanza)

Dietro alla goliardata c’è Ratio una società di comunicazione e marketing operativa in Terra di Lavoro e lo si evince quando si clicca sul sito internet “VotaOrazio.it” che spiega il senso dell’iniziativa che è finita su molti social, soprattutto su Instagram.

‘ Se sei arrivato fin qui probabilmente sei un nostalgico dei cartoni animati anni ‘90 o sei un tipo molto curioso, che non si ferma alle apparenze. Ci teniamo innanzitutto a dirti grazie per aver preso parte al nostro piccolo esperimento.
Volevamo solo dimostrare che, nel caos comunicativo a cui siamo continuamente esposti, con una giusta strategia di marketing sia ancora possibile stupire, meravigliare, far parlare di sé e perché no…strappare un sorriso!
N.B.: Nessun candidato è stato maltrattato per questa campagna.’

Non è la prima volta che ci sono azioni di guerrilla marketing con finti manifesti e improbabili candidati alle elezioni. Era già accaduto in Campania in occasione di consultazioni locali.

Related posts:

  1. ‘Basta Netflix’, gli strani manifesti comparsi a Milano
  2. A Roma spuntano i cartelloni: «Cercasi scambisti». Risolto l’enigma: sono di Popmove
  3. A Palermo UAUarte: spuntano le panchine letterarie, omaggio ai grandi artisti siciliani