Esportiamo democrazia: uno slogan fantastico

Set 19th, 2021 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Comunicazione, Marketing


Non c’è niente da fare, gli americani sono e resteranno sempre avanti a noi nel campo del marketing.
È evidentemente un fatto culturale, noi italiani siamo più bravi nel design, nella moda, nell’arte e nella cucina, perché sono cose che respiriamo fin da bambini, allo stesso modo loro hanno il marketing nel sangue.

Nessuno sa pianificare strategicamente la comunicazione degli interventi militari come gli americani, ci hanno regalato neologismi come “Guerra al terrorismo” e “Operazione di Pace”.

Dato che parlare di guerra è brutto, i governi a stelle e strisce si sono affidati agli esperti di comunicazione, che hanno coniato i termini più fantasiosi per descrivere un’occupazione militare.

- Operazione Desert Storm (comunicava l’idea di una rapida e indiscutibile vittoria)
- Bayonet Lightning (quanto fa figo usare la parola fulmine)
- Valiant Guardian (valorosi guardiani e i Guardiani della Galassia muti)
- Urgent Fury (1983 Grenada, quanto è efficace la parola urgent? Che trasmette un senso di necessità impellente. Non lo facciamo per interesse, siamo costretti)
- Restore Hope (Ridare speranza, Operazione voluta e iniziata dagli USA in Somalia)

Uso abilissimo di consolidati concetti di marketing, per comunicare e far accettare all’opinione pubblica quelle che erano in realtà semplici azioni di guerra.

In fondo, se trovi lo slogan adatto, puoi vendere qualsiasi cosa, anche vent’anni di invasione militare, basta dire che lo fai per “Esportare la democrazia”.

A pensarci bene, fa abbastanza paura.

#marketing #fortunatomonti #marketingjournal #democrazia

Fortunato Monti
Web & Social Marketer & Content Creator
fortunato.monti@gmail.com

Related posts:

  1. Come fare le scarpe al proprio fratello