European Communication Monitor 2022: i principali highlights

Sono stati pubblicati i risultati dell’Osservatorio europeo della comunicazione 2022. Quella di quest’anno è l’indagine più ampia sul mondo della comunicazione, basandosi su 1.672 interviste a professionisti della comunicazione provenienti da 43 Paesi europei.

Il rapporto completo è disponibile gratuitamente su www.communicationmonitor.eu e fornisce preziosi spunti per le relazioni pubbliche, la corporate communication e i public affairs. 

Lo studio esamina come le evoluzioni sociali e culturali della contemporaneità siano state affrontate e implementate  all’interno nella comunità professionale dei comunicatori: dall’ambizione di riconoscere diversità, uguaglianza e inclusione, fino alla tendenza verso uno stile di leadership più empatico, dalla digitalizzazione dei dipartimenti comunicazione e delle agenzie di comunicazione, fino alle dinamiche consulenziali, con un focus sulle eccellenze ed analisi più dettagliate per 22 paesi. 

L’italiana Stefania Romenti, Presidente di EUPRERA, parte dai numeri che provano la solidità dello European Communication Monitor: “16 anni di storia, oltre 1600 rispondenti, 43 i paesi dove sono stati raccolti i dati. Questi i numeri dell’Edizione 2022 dell’ECM, che continua a essere una delle più preziose fonti di informazione per il monitoraggio della professione dei comunicatori. La lettura dei dati rappresenta un importante momento di riflessione su dove sta andando la comunicazione oggi, quali sono le tendenze emergenti e gli aspetti più consolidati.”

La rigorosa selezione dei partecipanti ed il quadro di ricerca unico, basato su teorie consolidate e analisi statistiche, sono infatti le caratteristiche chiave dello studio che ancora una volta è stato condotto e supportato da un team globale di professori di comunicazione e relazioni pubbliche provenienti da università di tutto il mondo.

Il professor Ansgar Zerfass, ricercatore a capo dello studio e professore dell’Università di Lipsia, sottolinea: “Siamo attualmente sta vivendo una svolta in Europa. Molti concetti che ieri erano considerati scontati sono ora sotto scrutinio: la pacifica convivenza di nazioni e persone nella nostra regione, il ruolo della politica e dei media come attori di integrazione della società e la capacità dell’economia di guidare l’innovazione e lo sviluppo sostenibile.

Queste dinamiche hanno un impatto enorme sul nostro campo, e sulla gestione della comunicazione delle organizzazioni. Se alcune tendenze sono piuttosto specifiche, diverse sono comuni a tutta Europa, come ci mostra questa edizione dello European Communication Monitor.”

Kim Larsen, Global Head of Communication and Brand Experience di ING e Presidente di EACD – European Association of Communication Directors, aggiunge: “In tempi di crisi, disruption e sfiducia, la comunicazione strategica è chiave per creare un terreno comune e una comprensione condivisa ove possibile. E se – come vediamo – c’è una sfiducia crescente nelle diverse società, se i fatti e le istituzioni sono messi in discussione,  i comunicatori possono assumere un ruolo fondamentale. Lo European Communication Monitor di quest’anno ha studiato argomenti in grado di influenzare l’efficacia della nostra professione negli anni a venire”.

Diversità, uguaglianza e inclusione come sfida per la professione

La 16a edizione dell’Osservatorio europeo della comunicazione esplora se e come il dibattito sulla diversità, l’uguaglianza e l’inclusione risuona nella pratica quotidiana della gestione della comunicazione in Europa. I risultati mostrano che solo un professionista su due ha seguito le tendenze e le discussioni globali (50,7%) sul tema.

Circa lo stesso numero di intervistati conferma che la DE&I è molto discusso nel proprio Paese (49,5%). Un’organizzazione su due tiene conto dell’età, dell’etnia e del sesso durante la pianificazione e l’esecuzione della comunicazione iniziative. Invece hanno meno attenzione stato socioculturale, disabilità, visioni del mondo e opinioni politiche e convinzioni spirituali.

La maggior parte dei professionisti riconosce che la diversità può avere un impatto sulla fiducia con stakeholder esterni ed interni, tenendo in considerazione attentamente i fattori di diversità durante la produzione di contenuti. 

Durante i periodi di crisi, come la pandemia di COVID-19, si è discusso molto sul fatto che i leader delle organizzazioni possano e debbano comunicare con maggiore empatia. L’indagine esplora questo fenomeno insieme all’effetto leadership empatica ha sulla salute mentale, l’impegno e il benessere.

Tre professionisti della comunicazione su quattro (73,3%) testimoniano i tratti empatici della leadership communication e la maggior parte degli intervistati (56,7%) ammette che questa tendenza è aumentata nell’ultimo anno durante la pandemia. Un dato incoraggiante mostra che solo l’1% dei colleghi pare essere a rischio di burnout.

La cosa più importante è che i professionisti che lavorano per un leader empatico in un dipartimento di comunicazione o agenzie sono significativamente più ingaggiati e mostrano migliori livelli di salute mentale. 

Consulenza esterna in comunicazione: complessità, qualità e tendenze

La maggior parte dei professionisti della comunicazione in Europa ritiene che il bisogno di consulenza da parte degli stakeholder sia in aumento. Allo stesso modo, il 63,9% degli intervistati percepisce che il settore della consulenza è divenuto sempre più diversificato e complesso, e il 60,1% afferma che garantire la qualità della consulenza esterna sta diventando sempre più difficile.

Alla domanda su quale sia la  dimensione più importante per garantire la qualità dei processi di consulenza, gli intervistati mettono le persone e il know-how dei consulenti al primo posto (l’89,9% lo considera importante o molto importante), seguito dalla capacità di project management (87,7%).

Una forte maggioranza di professionisti della comunicazione in Europa sostiene l’idea di riconoscere standard di qualità in ambito: il 67,8% è d’accordo con l’affermazione che la professione ha bisogno di standard generali per la valutazione dei consulenti e per garantire la qualità della consulenza nella comunicazione, mentre il 60,7% ritiene che anche la professione abbia bisogno di standard riconosciuti dai clienti.

CommTech e la trasformazione digitale delle comunicazioni

Scoperta piuttosto sorprendente di questo studio è che solo un terzo (35,5%) dei professionisti della comunicazione in tutta Europa hanno seguito da vicino il dibattito sull’utilizzo di software e servizi per la digitalizzazione della loro funzione (CommTech). Un po’ più della metà (55,2%) ritiene che queste tecnologie cambieranno la professione di comunicazione, i dipartimenti di comunicazione o le agenzie per cui lavorano, oltre al modo in cui lavorano personalmente.

Ma ci sono enormi differenze tra paesi, senza una chiara tendenza regionale. Quando si tratta di valutare i rischi, un terzo di tutti gli intervistati pensa che le nuove tecnologie di comunicazione presentino svantaggi per la comunicazione con gli stakeholder.

La riluttanza ad affrontare il tema a livello individuale corrisponde ad un moderato livello di digitalizzazione dei dipartimenti e delle agenzie di comunicazione. Solo pochissime (6,2%) di queste unità hanno digitalizzato tutte le loro attività principali e stabilito un uso molto avanzato di CommTech.

A parte questi innovatori, molti restano indietro nella pratica. Le sfide più grandi in l’adozione di CommTech non sono problemi tecnologici (es. prestazioni del software) o fattori umani (es. mancanza di competenze tra i comunicatori), ma fattori che indicano deficit organizzativi all’interno delle diverse strutture.

Spesso le attività e i processi di comunicazione non sono preparati per la digitalizzazione (38,5%).  Gli ostacoli menzionati sono strutture e culture poco flessibili, oltre alla mancanza di collaborazione coni dipartimenti IT (44,7%).

Highlights

Lo European Communication Monitor 2022 ha coinvolto professionisti della comunicazione in 43 paesi, ecco i principali highlights:

  • Diversità, uguaglianza e inclusione stanno influenzando le politiche organizzative e le comunicazioni in tutto il mondo, ma solo un comunicatore su due in Europa ha seguito da vicino le tendenze e le discussioni globali in questo settore

  • La maggior parte dei professionisti ha sperimentato tratti empatici dai leader della comunicazione; questo ha un significato impatto positivo sull’impegno, sul coinvolgimento e sulla salute mentale

  • Ad oggi, pochissimi dipartimenti di comunicazione hanno stabilito un uso avanzato delle tecnologie di comunicazione digitalizzando flussi di lavoro interni e attività di comunicazione – le strutture organizzative sono identificate come l’ostacolo principale alla rapida trasformazione

  • La qualità della consulenza nelle comunicazioni è difficilmente riconosciuta; tre intervistati su quattro vorrebbero vedere standard condivisi dai consulenti e dai clienti stessi.

Lo studio rivela differenze significative tra Paesi europei, così come tra aziende e organizzazioni non profit

Contatti

Address

Via Andrea Costa 7, Milano, 20131 Milano IT

Phone

Phone: +39 02.2610052

Email

redazione@marketingjournal.it