Eventi, eCommerce, tecnologia: i trend da tenere d’occhio

Nov 17th, 2020 | Di Redazione | Categoria: Breaking News, Comunicazione


Sembra ormai essere chiaro a tutti che aspettare semplicemente che la crisi passi non è possibile. La normalità come la conoscevamo tarderà a ripresentarsi e sempre più spesso sentiamo parlare di New Normal.

Ma come tutte le crisi, anche questo periodo può nascondere grandi opportunità, guardando da prospettive differenti i problemi e comprendendo da vicino quali sono le reali esigenze delle persone.

Questo è ciò che ha fatto Justbit, la Digital Factory che ha sviluppato una nuova app per mettere in connessione le persone in tempo reale, insieme a Tramp, agenzia di eventi e relazioni pubbliche. E l’app ha trovato subito applicazione in un progetto per Nastro Azzurro.

Oggi più che mai riunire le persone, promuovere le community e creare connessioni è essenziale. Anche se è necessario farlo in modo diverso.

Per scoprire come la tecnologia ci aiuta ad affrontare anche questo cambiamento nel modo in cui le persone stanno insieme, abbiamo rivolto alcune domande a Marco Rabacchi (Co-Founder & Art director Tramp), a Carmine Vittorio Esposito (Partner & Business Developer - Justbit), a Mattia Minozzi (Trade Marketing Manager - Birra Peroni) e a Giulio Carucci (Jr Brand Manager Nastro Azzurro presso Birra Peroni).

Come si sta reinventando il settore degli eventi

Com’è cambiato il mondo degli eventi a seguito della pandemia, e come è nata l’applicazione?

«Si tratta di uno tra i settori più colpiti, il primo a doversi reinventare per fare tempestivamente di necessità virtù. L’intero sistema eventi ed intrattenimento F&B è diventato improvvisamente non solo obsoleto, ma il veicolo più rischioso, il pericolo numero uno in termini di diffusione del virus. Sicché, come in ogni cambiamento drastico, vale la spietata regola della natura “adattarsi o crepare”.

Partendo da questa ottica - ci spiega Marco Rabacchi (nella foto qui sopra)- ed imprenditorialmente costretti a navigare a vista, i margini di lavoro futuribile si assottigliano radicalmente.
Una delle strategie attuate per evitare il rischio di estinzione aziendale è stata puntare sulla crescita della fidelizzazione digitale del network, attraverso lo sviluppo di contenuti e servizi innovativi, da affiancare ed in parziale sostituzione del palinsesto delle attivazioni standard».

Il ruolo della tecnologia

Com’è nata l’app sviluppata da Justbit e quali sono i possibili ambiti di utilizzo?

«Durante la pandemia abbiamo ricevuto molte richieste da istituzioni e aziende di diversi settori per la progettazione e lo sviluppo di soluzioni digitali - ci racconta Carmine Vittorio Esposito -. In particolare ci siamo occupati di un progetto in ambito sanitario per consentire ai medici il monitoraggio da remoto dei parametri dei pazienti affetti da covid, attraverso un’applicazione dedicata.

Il settore degli eventi è stato un altro ambito nel quale siamo stati chiamati in causa e dove abbiamo avuto la possibilità di reagire prontamente grazie all’esperienza maturata negli ultimi anni, essendo presenti sul mercato con una piattaforma proprietaria, utilizzata da alcune delle principali aziende del paese per la digitalizzazione del flusso organizzativo dei loro eventi.

Durante il lockdown abbiamo sviluppato insieme all’agenzia di eventi Tramp e con la sponsorship di Birra Peroni (con il brand Nastro Azzurro) una piattaforma capace di offrire sia un nuovo format phygital alla propria community, sia uno strumento di fidelizzazione, profilazione e comunicazione con il proprio network. Ogni invitato genera la sua digital card (Qrcode presente in una sezione dell’app), grazie alla quale il personale di accoglienza, potrà gestire la presenza e conoscere le specifiche del cliente per migliorare il servizio.

L’app diventa soprattutto un strumento di socializzazione, consentendo, attraverso chat di gruppo e conversazioni private abilitate da logiche di matching, interazioni digitali in sicurezza durante l’evento fisico . Questa soluzione fornisce un’alternativa alla difficoltà di circolare liberamente all’interno delle location durante gli eventi limitando il networking a causa delle misura di contenimento adottate per contrastare la diffusione del virus».

A quali aspetti avete deciso di dare priorità quando avete immaginato le funzioni dell’applicazione?

«Dovendo nominare due aspetti su tutti - sottolinea Marco Rabacchi-, direi che l’applicazione da una parte valorizza il network, offrendo una gamma di nuovi servizi e contenuti, pensati sul binario della nuova normalità, prima durante e dopo l’evento. In questo senso la “chat dell’evento”, live, è emblematica: nella nuova normalità gli eventi sono fruibili solo “da seduti”, con prenotazione personale; è interdetta la possibilità di accedere per consumare al bar, o alzarsi per ballare in pista; è quindi fortemente ridotta la possibilità di interazione tra ospiti di gruppi diversi.

La chat generale durante l’evento è uno degli strumenti che sopperisce a questo vuoto: riservata alle figure di spicco dello staff come dj, hostess, e direttori, insieme agli affiliati al network Tramp per la durata dell’evento, che si conoscano o meno e senza lasciare il numero di telefono.

Dall’altra l’applicazione diventa uno strumento indispensabile per la sicurezza e la certificazione degli ospiti, giacché nella nuova normalità tutto deve essere impostato a monte, con un’organizzazione “militare” degli ingressi e delle prenotazioni. Ed anche la selezione degli inviti diventa fondamentale, poiché ogni venue ha capienza ridotta, ed ogni ingresso deve avere il suo perché».

Come cambiano le abitudini delle persone

Le abitudini dei consumatori si sono completamente modificate oggi, ma quali sono i trend per il futuro? Questi cambiamenti possiamo supporre che siano qui per restare?

«A seguito della pandemia, alcuni comportamenti d’acquisto dei consumatori sono cambiati. Abbiamo registrato un grande aumento dei consumi nella distribuzione organizzata a discapito di quelli nel canale Horeca».

A fare il punto è Mattia Minozzi di Birra Peroni, che ricorda anche che in questo periodo «abbiamo assistito alla grande esplosione del canale eCommerce, già in forte crescita nel periodo pre-covid.

Concentrandoci in particolare sull’eCommerce, ci dobbiamo dunque aspettare una “new normality” per il canale con una penetrazione in grande aumento su tutto il territorio italiano ed un maggior focus da parte delle aziende».

Giulio Carucci infine aggiunge: «Anche lato marketing, abbiamo potuto assistere, d’altronde, ad una necessità sempre maggiore da parte di tutti quei brand che vivono di occasioni di consumo “offline”, di doversi reinventare per adattarsi al cambiamento repentino nelle abitudini dei consumatori, dettato dalla situazione di questi ultimi mesi.

Nastro Azzurro è un esempio lampante di questa esigenza: fin dall’inizio della crisi ha infatti convertito tempestivamente la propria strategia comunicativa, realizzando numerose iniziative volte, da un lato, a supportare la comunità in cui opera, come nel caso della campagna “#UNABIRRAPERDOMANI” con la quale sono stati raccolti 500.000€ a supporto della ristorazione italiana e, da un altro, a far vivere esperienze rilevanti per il consumer, anche da casa propria.

Proprio per questo motivo, abbiamo deciso di lavorare insieme in questa partnership per sperimentare nuove forme di interazione tra utenti».

Daria D’Acquisto, ditor & Social Media Manager su www.ninjamarketing.it

Related posts:

  1. 6 tendenze da tenere d’occhio nel ‘food’, un settore sempre più influenzato dalla tecnologia
  2. Trend di marketing 2020: da tenere sott’occhio per il prossimo anno
  3. Tecnologia di consumo: ad ottobre il trend cresce a doppia cifra secondo GfK
  4. Nasce LEMONN – Digital Events Experience”, la prima piattaforma made in Italy ideata per l’organizzazione di eventi on line con le caretteristiche proprie degli eventi fisici