Fare street marketing? Have a break have a KitKat

Giu 23rd, 2021 | Di Redazione | Categoria: Unconvetional Marketing


Campagna di streetmarketing con influenze di guerrilla e potenzialità virali, realizzata da KitKat nel 2014.

La strategia è stata quella di installare delle panche di metallo, all’interno dei loro cartelloni pubblicitari, proponendo una sfida.

Chi fosse riuscito a rimanere seduto sulla panca per un certo periodo avrebbe avuto la possibilità di partecipare a un concorso per vincere un tablet Google Nexus 7.

La proposta era originale e perfettamente in linea con la proposta di valore del brand, che ha sempre fatto leva sul proprio slogan “have a break, have a KitKat”.

“Fai una pausa, fatti un Kit Kat”

Questo slogan è stata una delle ragioni di successo del prodotto, consapevole di questo l’Azienda ormai da anni gioca e costruisce le proprie strategie e le campagne di marketing attorno ad esso.

Negli anni si è scoperto che la principale qualità di questo slogan è la sua versatilità, ancor più della sua riconoscibilità, infatti a permesso all’Azienda di giocare con i clienti in moltissimi modi diversi.

È uno slogan che si adatta a diversi tipi di clientela e ha contribuito a rendere Kit Kat un prodotto e un nome familiare, portandolo ad essere una delle “pause” più popolari al mondo.

Lo slogan si lega al prodotto con una doppia chiave di lettura, perché gioca con il termine break, che in inglese significa sia pausa che spezzare e appunto per mangiarlo il KitKat lo spezzi.

La campagna, realizzata con costi molto contenuti, ha ottenuto notevole successo e visibilità sui social, perché giocare con i clienti è sempre un’ottima strategia.

#marketing #comunicazione #social #fortunatomonti #marketingjournal

Fortunato Monti
Web & Social Marketer & Content Creator
fortunato.monti@gmail.com

Related posts:

  1. Street marketing Vivi Acitrezza: sorprendente video ai semafori
  2. Ghiaccio Wrangler: street e guerrilla marketing con la campagna Wanted
  3. Storie di marketing: un brand alla volta, Kit Kat
  4. Guerrilla Marketing da non fare: il disastro della campagna di Vodafone