Fase 3: gli eventi ripartono in 14 regioni, nonostante il Governo

Giu 17th, 2020 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Comunicazione


Il Governo continua a ignorare il comparto degli eventi che produce 65, 5 miliardi di fatturato, incide per 36,2 miliardi sul Pil nazionale e dà lavoro a circa 570mila persone. Le regioni, invece, si dimostrano più lungimiranti e in gran parte danno il via libera a eventi e congressi.

A sorpresa il Decreto del Presidente del Consiglio dell’11 giugno aveva infatti escluso il settore dei congressi e degli eventi dalla Fase 3, bloccandolo sino al 14 luglio. Una vera doccia fredda per tutta la filiera che era ottimista sul 15 giugno come data di ripartenza.

L’aggiornamento delle Linee guida per la riapertura delle Attività Economiche e Produttive approvate dalla Conferenza delle Regioni del 9 giugno aveva infatti inserito anche le schede per la riapertura di congressi e grandi eventi fieristici, recependo i protocolli elaborati da Federcongressi&eventi già a fine aprile e inviati al Governo e ai rappresentanti regionali delle istituzioni grazie a una massiccia azione di pushing compiuta dai delegati regionali dell’associazione nazionale delle imprese dei congressi e degli eventi.

Il Dpcm che sospende fiere e congressi sino al 14 luglio dava però spazio alle iniziative delle regioni. Come avevamo subito spiegato, alle regioni e le province autonome, in relazione all’andamento della situazione epidemiologica nei propri territori, era stata data la possibilità di stabilire una diversa data di ripresa delle attività, nonché un diverso numero massimo di spettatori in considerazione delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi.b

Poiché nel Dpcm non si specifica che la “diversa data” delle regioni debba essere più restrittiva altre regioni si sono aggiunte alle 5 che già nelle settimane precedenti avevano dato il via libera a congressi ed eventi.

Ecco quindi le 14 regioni nelle quali è possibile realizzare congressi ed eventi con la data di riapertura

Abruzzo: dal 15 giugno
Basilicata: dal 15 giugno
Calabria: dal 19 giugno
Campania: dall’ 8 giugno
Emilia Romagna: dal 15 giugno
Friuli Venezia Giulia: dal 15 giugno
Lazio: dal 15 giugno
Liguria: dal 19 giugno
Puglia: dal 15 giugno
Sardegna: dal 15 giugno
Sicilia: dall’8 giugno
Toscana: dal 13 giugno
Umbria: dal 15 giugno
Veneto: dal 19 giugno

Mancano all’appello la Lombardia, il Piemonte, la Valle d’Aosta, le province autonome di Trento e Bolzano, le Marche e il Molise.

“Delusa dal Governo ma orgogliosa dell’associazione”, è questa la sintesi della Presidente di Federcongressi&eventi Alessandra Albarelli che ha pubblicamente ringraziato i governi regionali “Il Governo ha di fatto perso un’altra occasione per dimostrare di aver compreso quanto il nostro settore sia indispensabile per la crescita economica, sociale, cultura e professionale del Paese.

Ne prendiamo atto e continuiamo a impegnarci sempre più per far valere le nostre istanze e per avere strumenti di ristoro per le nostre imprese che, ferme da febbraio, sono ormai al collasso. Detto questo – continua Albarelli – sono fiera del lavoro svolto dai nostri soci: se più della metà delle regioni ha deciso di sbloccare eventi e congressi il merito va anche all’impegno dei delegati regionali di Federcongressi&eventi che si sono spesi per far sentire la voce di un intero settore”.

Related posts:

  1. Se si fermano gli eventi chiude l’Italia, appello al Governo di considerare il comparto
  2. La classifica delle regioni e città più care d’Italia
  3. Fiere ed eventi, si studia un fondo da 600 mln €
  4. Nasce LEMONN – Digital Events Experience”, la prima piattaforma made in Italy ideata per l’organizzazione di eventi on line con le caretteristiche proprie degli eventi fisici