Fiat ha fatto guerrilla marketing e ha impacchettato le auto straniere dei dipendenti

Mag 29th, 2020 | Di Redazione | Categoria: Unconvetional Marketing


Non è più “Io viaggio italiano”, ma “Vederti con un’altra ci ha spezzato il cuore… Ma nonostante ciò continuiamo a pensare a te”.

E’ la campagna di guerrilla marketing, o se volete un’operazione pubblicitaria non convenzionale, sopra le righe, di Fiat, che nei parcheggi dello stabilimento Mirafiori di Torino ha letteralmente impacchettato le auto straniere, quelle non comunque di FCA (Fiat Chrysler Automobiles) dei suoi dipendenti. Risultato, marchio coperto e un cuore spezzato sul lunotto, per convincerli, anche con un notevole sconto del 26%, a ricomprare un’auto del Gruppo.

Per i sindacati, però, la manovra di marketing è stata “inaccettabile”, ma l’operazione dopo Torino, dovrebbe essere ripetuta in Campania a Pomigliano d’Arco, dove nascono le Fiat Panda.

Related posts:

  1. Una Fiat 500 d’epoca incastrata nel terreno in Piazza San Babila è la guerrilla per la ristrutturazione dell’ex garage Traversi
  2. “La tua auto è su Pornhub”, il guerrilla marketing contro i parcheggi selvaggi a Roma
  3. Quando Geox ha fatto guerrilla a Milano con la nuvola portatile per testare le scarpe Amphibiox, firma Mad
  4. One-Shot: il primo docu-film targato Fiat