Come funzionano e a cosa servono le Stories su LinkedIn

Gen 20th, 2019 | Di Altri | Categoria: Web e Dintorni


Tutti pazzi per le Stories? Anche LinkedIn non poteva mancare all’appello.

La piattaforma dedicata ai professionisti, nata come sistema di contatto in cui persone con skill simili “s’incrociano” tra le maglie del social network ed entrano in contatto,è diventata nel tempo punto di partenza per molte relazioni professionali durature e luogo in cui i recruiter cercano e trovano talenti. Una piattaforma dove qualsiasi tipo di professionista può trovare la propria dimensione e cercare gli spunti necessari per dare una svolta alla propria carriera.

Insomma, potrebbe sembrare strano che il social network dei professionisti inglobi il format dei video effimeri e leggeri, eppure è la verità.

Come funzioneranno le Stories su LinkedIn

Attualmente la funzione è in fase di test. Il primo format pensato da LinkedIn è una piattaforma creata per gli studenti universitari americani che si chiamerà “Student Voices”.

La differenza rispetto alle Stories degli altri social network sta nel fatto di poter inserire solo video e non foto all’interno di un contenitore chiamato Campus Playlist, su cui rimarranno non per 24 ore ma per una settimana.

I video, però, potranno essere conservati sul profilo dell’utente in modo permanente, all’interno della sezione Recent Activity.

Fortunatamente sembra che LinkedIn non abbia intenzione di inserire pubblicità tra un video e un altro.

A cosa servono le Storie su LinkedIn?

A cosa servono le Storie su LinkedIn? L’obiettivo delle Student Voices, a differenza delle Storie di Snapchat, Instagram e Facebook, che sono funzionali alla condivisione di contenuti effimeri, talvolta imbarazzanti, è quello di arricchire il profilo social degli utenti con le esperienze accademiche svolte, i progetti seguiti, gli stage a cui si è partecipato.

In perfetta linea con LinkedIn, insomma.

Anche per questo che le Student Voices rimarranno visibili per una settimana.

Certo, ci sarà chi storcerà il naso per questa novità di LinkedIn e chi, invece, ne sarà entusiasta. Ciò che è certo è che la mania delle Stories ha davvero coinvolto tutti e ha trasformato il nostro modo di vivere la quotidianità sui social.

via www.ninjamarketing.it

Related posts:

  1. Quando LinkedIn va oltre LinkedIn
  2. “Stories are everywhere”, la prima global brand campaign di Instagram
  3. LinkedIn espande il suo Marketing Partner Program
  4. Facebook e Youtube i social più usati dagli italiani, boom di Instagram e delle stories. Blogmeter: pubblicità più accettata