Generazione Alpha. I nati dal 2010 in poi

Giu 21st, 2020 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B


La Generazione alpha, o per abbreviazione Gen Alpha, è quella dei nati dopo il 2010. Sono, cioè, bambini che hanno nel 2020 al massimo 10 anni. Non per questo, però, appaiono meno interessanti agli occhi di marketer: già influenzano, infatti, gli acquisti familiari e la loro è, insieme alla Gen Z, la prima vera generazione di nativi digitali.

Il 2010 è l’anno in cui vengono lanciati, infatti, Instagram e l’iPad, due simboli senza uguali di cosa i più piccoli fanno online e di come vivono il loro stare connessi. Abituati a gestire una grande abbondanza di stimoli contemporaneamente e a passare senza soluzione di continuità da una piattaforma all’altra, come confermano alcuni insight provenienti dall’industria mediatica, anche quando fruiscono di contenuti televisivi per esempio chiedono velocità e breve durata. Perché i primi a esservi esposti fin da piccolissimi, i membri della Gen Alpha potrebbero avere poi una maggiore familiarità con tecnologie come l’intelligenza artificiale, la realtà aumentata e virtuale e le loro applicazioni.

Proprio AI, VR e AR potrebbero essere, del resto, degli strumenti indispensabili per coinvolgere i (futuri) consumatori della Generazione Alpha. Si tratta, ovviamente, di previsioni a lungo termine fatte dagli addetti ai lavori: la Gen Alpha non ha ancora, infatti, un’età tale da compiere personalmente acquisti o da poter essere considerata a rigore una classe di consumatori.

Perché applicate con sempre più frequenza agli ambienti di gioco, all’intrattenimento o all’istruzione, come sottolinea Digiday, è probabile che intelligenza artificiale e realtà aumentata e virtuale diventino però indispensabili per assicurare una buona customer experience a questi consumatori del futuro.

Una cosa, però, si può già dire: nonostante la sua tenera età, la Generazione Alpha sembra avere un ruolo non trascurabile nelle scelte di consumo di genitori e parenti. Sebbene non siano per ovvie ragioni gli acquirenti finali, nel 65% delle famiglie –percentuale che sale all’81% negli USA – i bambini tra i 4 e i 9 anni sono tra i decisori degli acquisti: le loro abitudini cioè influenzano le compere, dal food all’intrattenimento, e c’è un 27% di genitori che, addirittura, chiede esplicitamente il consiglio dei piccoli prima di comprare un nuovo gadget elettronico, a riprova sembrerebbe della maggiore familiarità della Gen Alpha con il tech.

Related posts:

  1. “Per ogni Greta c’è un membro della Generazione Z che non indosserà mai lo stesso capo due volte”
  2. Se mi annoi, ti cancello: la logica del follow e dell’unfollow secondo la Generazione Z
  3. Generazione Z: che cosa è cool e di moda per questi giovani, purchè sia nella vita reale anche se “nativi digitali”
  4. La comunicazione visuale che colpisce la Generazione Z