Giornata mondiale contro la violenza sulle donne: le iniziative del Ministero e di tante città italiane

Nov 25th, 2021 | Di Redazione | Categoria: Breaking News


Giovedì 25 novembre è la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne e per sottolineare l’importanza di questa celebrazione, il Ministero dell’Istruzione e altre organizzazioni hanno realizzato diverse iniziative.

Il Ministero si tinge di rosso e Montecitorio di arancione

L’illuminazione iniziata il 24 novemnre proseguirà anche per tutta la giornata di oggi, 25 novembre, in cui prenderà il via il programma di attività e di incontri. Alle ore 10.30 le scalinate del Ministero su viale Trastevere ospiteranno un flash-mob, realizzato in collaborazione con l’Istituto di Istruzione Superiore Statale Cine-tv Roberto Rossellini. Studentesse e studenti, personale scolastico e famiglie richiameranno l’attenzione e spingeranno alla riflessione sul tema al centro della Giornata.

Giovedì 25 novembre, dalle ore 20 la facciata di Palazzo Montecitorio si illumina di arancione, in segno di vicinanza da parte dell’Istituzione a tutte le donne vittime di violenza. La facciata resta illuminata di arancione fino all’una di venerdì 26 novembre.

Sarà presente anche il Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, che incontrerà i partecipanti e accoglierà al Ministero bambini e ragazzi che hanno partecipato al Concorso nazionale “Il Nuovo Codice Rosso – Prevenzione e contrasto alla violenza di genere”, promosso dal Ministero dell’Istruzione e dal Ministero della Giustizia. Dopo aver visitato con loro la mostra allestita con alcuni dei lavori realizzati dai partecipanti, il Ministro premierà le scuole vincitrici. Inoltre, saranno distribuiti fiocchi rossi al personale amministrativo.

L’iniziativa del role playing del Coordinamento Docenti per i Diritti Umani

Altre iniziative sono promosse dal Coordinamento Docenti per i Diritti Umani con in programma 16 giorni di attivismo, contro la violenza di genere, dal 25 novembre e fino al 10 dicembre, Giornata internazionale dei diritti umani.

In occasione della giornata del 25 novembre hanno lanciato la proposta educativa “violenza e poi?”, da svolgere con la metodologia didattica del role playing nelle scuole secondarie di secondo grado. Gli alunni potranno simulare un caso e poi individuare il percorso di uscita dalla violenza. Nel percorso didattico i docenti potranno avvalersi del supporto della Polizia di Stato, delle ASL, dei centri antiviolenza, degli uffici istituzionali per le pari opportunità, consultori, servizi sociali, tutti sempre ben disposti a sostenere le azioni educative.

Infine, in occasione della giornata lanciano anche l’hashtag “facciamo scudo” per evidenziare l’importanza della rete e della solidarietà tra tutti i cittadini per assicurare il rispetto tra i generi come arma di difesa: uno scudo, appunto, contro ogni violenza, sia attiva che passiva #facciamoscudo.

Firenze, 25 novembre 2021 – Da gennaio al 14 novembre 2021 sono state 103 le donne uccise in Italia, di cui 87 in ambito familiare e affettivo e di queste 60 hanno trovato la morte per mano di mariti, fidanzati e compagni.

Anche quest’anno, in occasione della Giornata internazionale contro la violenza delle donne, sono numerose in Toscana le iniziative messe in campo da istituzioni e associazioni per sensibilizzare sul tema e fornire un supporto e aiuto alle vittime della violenza di genere. Ecco gli eventi nella regione, provincia per provincia.
Firenze

Spettacoli, mostre, incontri, letture. Ma anche l’inaugurazione di nuove panchine rosse in parchi e giardini, l’illuminazione di rosso delle porte storiche della città e una miriade di appuntamenti nei cinque quartieri: sono numerose e di vario tipo le iniziative organizzate per il 25 novembre - Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne - per sensibilizzare, approfondire, analizzare e cambiare la realtà. Il Museo Novecento rinnova il proprio impegno contro la discriminazione di genere attraverso la testimonianza dei versi di Anna Achmatova, Sylvia Plath, Antonia Pozzi e Anne Sexton, tra le più significative poetesse del XX secolo.

Il reading teatrale ‘Ho letto che l’anima è immortale’, a cura di sei giovani attrici del gruppo INuovi, accompagna i visitatori negli spazi della mostra Jenny Saville. Il pubblico potrà accedere al Museo Novecento dalle 16 alle 20 per partecipare al reading (ingresso libero).

Alla Biblioteca delle Oblate si inaugura la mostra “come eri vestita?” legata alla campagna di Amnesty international “#IoLoChiedo: il sesso senza consenso è stupro”, .-che racconta storie di abusi poste accanto agli abiti in esposizione che intendono rappresentare, in maniera fedele, l’abbigliamento che la vittima indossava al momento della violenza subìta. La mostra resterà aperta fino al 20 dicembre.

Alle 17.30 del 25 novembre, sempre alle Oblate, presentazione del libro “Negretta. Baci razzisti” di Marilena Umuhoza Delli, mentre alla biblioteca Fabrizio De André incontro con Pietro Trapassi autore del libro “Laura Lanza, la Baronessa di Carini. Romanzo di Cappa e Spada” (Bonfirraro editore), un racconto di ambientazione siciliana in pieno Rinascimento dedicato al “primo femminicidio d’Italia”.Stesso giorno e stesso orario alla biblioteca Mario Luzi Donne, pregiudizi e violenze.

In un 2021 che ha profondamente segnato la città di Faenza, teatro del femminicidio di Ilenia Fabbri, il Centro Antiviolenza SOS Donna ricorda la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne (25 novembre) con una serie di iniziative rivolte alla cittadinanza, certe del fatto che i femminicidi e la violenza nelle relazioni di intimità siano una problematica di tipo culturale e sociale che fonda le sue radici in una cultura di stampo patriarcale. Per questo motivo le iniziative di prevenzione e sensibilizzazione sul contrasto alla violenza e il rispetto delle differenze di genere sono tra le principali azioni che da sempre la nostra Associazione porta avanti.

giovedì 25 novembre alle ore 18.00, verrà posto in Piazza Rampi a Faenza il 3° fiore, un giglio selvatico, sulla scultura in ricordo delle vittime di femminicidio nel territorio dell’Unione della Romagna Faentina e di quello circostante, realizzata con il contributo dell’UDI di Ravenna nell’ambito della “Staffetta Nazionale contro la violenza alle donne”.

Quest’anno, purtroppo, verrà installato un nuovo giglio in memoria di Ilenia Fabbri. Il giglio selvatico è stato realizzato dal mastro fabbro Alvaro Ricci Lucchi e decorato dalla mosaicista Barbara Liverani. Interverranno: Milena Barzaglia, Assessora alle Politiche e Cultura di Genere del Comune di Faenza e Antonella Oriani, Presidente dell’Associazione SOS Donna.

Ed ancora Faenza protagonista presso il Piccadilly Club (Via Cavour 11 – Faenza) il MEI presenta La Musica al Femminile con l’Onda rosa indipendente: cantautrici, cantanti, Dj e tanto altro al Femminile Plurale, una serata unica ed esclusiva. In partnership con Rai Radio Live, il programma sarà’ registrato e messo in onda da Rai Radio Live. Ingresso a offerta libera, il cui ricavato verrà devoluto al Centro Antiviolenza SOS Donna di Faenza.

Anche in provincia di Varese il tema è molto sentito e in tutti i comuni si stanno organizzando incontri, eventi e momenti di sensibilizzazione, spesso coinvolgendo i giovani e le associazioni locali.

ALBIZZATE – Le fontane della nuova piazza di Albizzate rimarranno colorate di rosso per tutta questa settimana e sabato 27 verrà inaugurata davanti al Municipio, in piazza IV novembre, una panchina rossa in ricordo di tutte le vittime di femminicidio –

ANGERA – Lo spot realizzato dall’amministrazione comunale anticipa lo spettacolo di Michela Prando in scena in sala consiliare giovedì 25 novembre. Attività di sensibilizzazione anche nelle scuole angeresi –

BESNATE – Giovedì 25 novembre alle 21 al Cinema Incontro alle 21 è in programma “Battiti per un buona causa”, un’interessante serata di musica, parole e riflessioni per contrastare la violenza di genere –

BESOZZO – Giovedì 25 novembre, alle 11, al Mercato comunale l’attrice Liliana Maffei interpreterà racconti di storie vissute. Sabato 27 novembre alla Casa delle Persone l’incontro informativo “L’amore non fa male” –

BISUSCHIO – Giovedì 25 novembre alle 10,30 verrà inaugurata la panchina rossa, posta nel parco comunale, poi si potrà visitare la mostra “Com’eri vestita?”, che per dieci giorni è stata allestita all’Isis Valceresio –

BUGUGGIATE – Dante racconta la violenza sulle donne. A Buguggiate domenica 28 novembre alle 17,30 al Centro di aggregazione Ubuntu, una lettura originale per celebrare la Giornata contro la violenza sulle donne –

BUSTO ARSIZIO – In occasione della giornata Mondiale contro la violenza sulle donne la Pro Patria Judo organizza quattro giornate gratuite di formazione sull’autodifesa personale –

CARONNO PERTUSELLA – Gli amministratori comunali di Caronno Pertusella protagonisti di un video con frasi e riflessioni sul tema della violenza di genere –

CASCIAGO – L’evento programmato per giovedì 25 novembre è stato anticipato di un giorno. Protagonisti i ragazzi delle scuole e… un filo di lana –

CASTIGLIONE OLONA – Da mercoledì 24 novembre fino al 3 dicembre torna per il terzo anno “Scarpe rosse”, un ricco calendario di incontri, mostre ed eventi per dire no alla violenza contro le donne

GALLARATE – Una camminata “in rosso” per il centro di Gallarate, per dire no alla violenza è in programma sabato 27 novembre. I protagonisti dell’evento saranno gli uomini, che sfileranno in corteo con cravatta rossa e mascherina rossa –

GAVIRATE – Tanti gli eventi in programma giovedì 25 e venerdì 26 novembre a Gavirate in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne – Il programma

GAZZADA SCHIANNO – Mercoledì 24 novembre alle 18 in Biblioteca, presentazione del libro “Per strada è la felicità” della giornalista e scrittrice Ritanna Armeni, intervistata da Francesca Boragni dell’omonima libreria di Busto Arsizio. L’appuntamento fa parte del ciclo “Assieme contro la violenza di genere” – L’incontro

LUINO – Giovedì 25 novembre alle 11 alla panchina rossa del Porto Vecchio, un momento di letture e racconti sul tema con l’attrice Michela Prando, con la presenza dell’associazione Donna Sicura e di alcuni studenti

SARONNO – La vittimizzazione secondaria, il fenomeno che spinge a ritenere la vittima di una violenza di genere responsabile di ciò che le è accaduto, sarà il tema sul quale sarà incentrata la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, che si celebrerà a Saronno il prossimo 25 novembre. Due i cortei promossi dall’amministrazione comunale

A comporre il calendario delle iniziative di Livorno hanno contribuito da un lato il Centro Donna del Comune di Livorno insieme all’associazione Ippogrifo e con il sostegno di Rete Alba Rosa, Federazione Antiviolenza Ginestra, Associazione Lui, Unicoop Tirreno, Oltre e Agedo Livorno che hanno promosso “Novembre antiviolenza” ciclo di iniziative per sensibilizzare sul tema della violenza sulle donne, dall’altro il Centro artistico Il Grattacielo che ha organizzato “Io ti amo, mica tanto” serie di eventi a ridosso della giornata internazionale per accendere i riflettori su questa problematica.

Per richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica al calare del sole il Gazebo della Terrazza Mascagni si illuminerà di arancione, il colore scelta dalle Nazioni Unite per sensibilizzare il mondo contro la violenza alle donne.

Anche quest’anno la città di Genova ha preparato per il 25 novembre, data che dal 1999 le Nazioni Unite hanno stabilito essere la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, diversi eventi:
Le panchine dipinte di rosso sono da anni il simbolo della memoria e del ricordo di tutte le donne vittime di femminicidio. Quest’anno, in collaborazione con i Municipi e con il contributo di Conad, verranno dipinte altre 19 panchine rosse in città con l’indicazione del numero verde nazionale antiviolenza 1522: un ulteriore invito alle vittime a rivolgersi ai centri antiviolenza.

Inoltre, grazie alla collaborazione dell’Assessorato al Commercio, Artigianato, Tutela e Sviluppo Vallate, Grandi Eventi, Centro Storico, e al supporto Confcommercio e Confesercenti verranno distribuite 1500 locandine con l’indicazione del numero verde nazionale antiviolenza 1522 presso gli esercizi commerciali per raggiungere in maniera capillare la popolazione.

Inaugurazioni Panchine Rosse
CONAD 25 novembre
ore 11.00 via Dandolo
ore 11.00 piazza Pontedecimo
ore 10.00 piazza Carloforte
ore 11.00 via Corsica 1

La danza del rispetto
Italia Vision
25 novembre ore 11:00
Piazza de Ferrari

Mostra “non chiamatelo raptus di Anarkikka”
Ordine degli Avvocati di Genova
25 novembre ore 18:00
Via XII Ottobre, 3

Uomini in scarpe rosse
Teatro della Tosse/ARS Teatrando
27 novembre ore 16:00
Da Piazza Don Gallo a Piazza Sarzano

Fiumicino lancia la ‘Settimana Rossa’ contro la violenza sulle donne

Oggi è partita la panchina rossa itinerante con le prime due tappe, l’iniziativa delle associazioni TuttexUna e Nate dalla Luna per sostenere la rete di aiuto

Due progetti a tappe a sostegno delle donne, Fiumicino scende in campo con la “Settimana Rossa” per dire no alla violenza. Partono oggi le iniziative legate alla giornata internazionale del 25 novembre, che per una settimana coinvolgerà i cittadini attraverso una panchina rossa itinerante “Nemmeno con un fiore” e l’installazione “Scarpe nel Cemento”. Due iniziative simboliche che puntano a dare visibilità ad una vera e propria rete di aiuto in grado di accogliere, ascoltare ed indirizzare coloro che ne hanno bisogno.

Campania lancia percorso rosa in ospedale col ‘referto psicologico’, all’interno dei pronto soccorso degli ospedali che consiste in una procedura ben delineata da seguire e per la cui realizzazione riveste una grandissima importanza la formazione del personale che deve individuare da subito la violenza”.

Al Cardarelli di Napoli da inizio anno già 120 casi. La Regione assegna un contribuito alle vittime, per rendersi autonome, o ai loro orfani, in caso di femminicidio

Related posts:

  1. “Mai più, La voce del Silenzio”, i comuni del Coros contro la violenza sulle donne con un reading che racconta storie di speranza
  2. Il guerrilla marketing del comune di Solaro contro la violenza sulle donne.
  3. 8 marzo: Giornata internazionale delle donne. Tutti gli stereotipi sulle donne da abolire dalla A alla Z
  4. Violenza sulle donne, il Viminale stila un report