Girlshop.it porta i ragazzi-oggetto nel centro di Milano

Ott 30th, 2019 | Di Redazione | Categoria: UAU Communication


Ragazzi-prodotto collocati in scatole di cartone già pronti e impacchettati erano disponibili all’acquisto sabato scorso per le vie più trafficate del mercato milanese.

È andata così l’originale iniziativa di guerilla marketing in puro stile #uaucommunication (the ultimate ‘live’ communication che diverte, attira, fa spettacolo, coinvolge e si fa ricordare a lungo, è viralissima ed altamente notiziabile) ideata da Luca Vavassori, fondatore di girlshop.it, l’irriverente sito di man shopping da poco arrivato in Italia dove le donne possono, ‘simbolicamente’, mettere nel carrello e acquistare il loro uomo ideale.

Lo scopo di questa prima singolare iniziativa a Milano è stato quello di far divertire e incuriosire il pubblico milanese nei confronti del brand girlShop.it. Ogni scatola rappresentava un tipico personaggio dell’immaginario collettivo milanese (dal Bauscia all’Hipster) ed era persino dotata di istruzioni d’uso.

Related posts:

  1. We Planet 2020: cento globi d’artista hanno colorato il centro di Milano
  2. A La Paz in Bolivia la Polizia si veste da coronavirus per allertare dei pericoli della pandemia
  3. Quando Lacoste ha festeggiato gli 80 anni e ha trasformato le vie del centro di Milano in campi da tennis con palline fortunate
  4. “La Gorgone di Milano”: un’indagine nel sottosuolo di Milano fra omicidi e antichi misteri