Girlshop.it porta i ragazzi-oggetto nel centro di Milano

Ott 30th, 2019 | Di Redazione | Categoria: UAU Communication


Ragazzi-prodotto collocati in scatole di cartone già pronti e impacchettati erano disponibili all’acquisto sabato scorso per le vie più trafficate del mercato milanese.

È andata così l’originale iniziativa di guerilla marketing in puro stile #uaucommunication (the ultimate ‘live’ communication che diverte, attira, fa spettacolo, coinvolge e si fa ricordare a lungo, è viralissima ed altamente notiziabile) ideata da Luca Vavassori, fondatore di girlshop.it, l’irriverente sito di man shopping da poco arrivato in Italia dove le donne possono, ‘simbolicamente’, mettere nel carrello e acquistare il loro uomo ideale.

Lo scopo di questa prima singolare iniziativa a Milano è stato quello di far divertire e incuriosire il pubblico milanese nei confronti del brand girlShop.it. Ogni scatola rappresentava un tipico personaggio dell’immaginario collettivo milanese (dal Bauscia all’Hipster) ed era persino dotata di istruzioni d’uso.

Related posts:

  1. Dal Centro Studi dell’Istituto di Moda Burgo una ricerca sull’impatto del “fashion” su Milano capitale mondiale della moda
  2. “La Gorgone di Milano”: un’indagine nel sottosuolo di Milano fra omicidi e antichi misteri
  3. L’invasione di Heineken 0.0 in lattina gratis ai semafori del centro di MIlano
  4. “Lidi in vetta” per il consorzio calabro Terredamare. Porta ad Andalo in Trentino spiaggia, sdraio ed ombrelloni