Gucci donna FW 2020-21: la sfilata gira come una giostra

Set 10th, 2020 | Di Redazione | Categoria: Marketing In Progress


Più che una sfilata, una performance non convenzionale. Su una pedana circolare, che gira come fosse una giostra, con i modelli e le modelle immobili e le pareti di vetro trasparente. Prima, tutte le fasi che in genere precedono lo show e che restano dietro le quinte, nel backstage.

Così, sotto gli occhi del pubblico della seconda giornata della Fashion week di Milano, i team degli stylist, degli hair e make up artists preparano coloro che presentano ai riflettori le creazioni di Alessandro Michele per la collezione donna autunno inverno 2020-2021 di Gucci. “Ho deciso di alzare un velo su ciò che ama nascondersi”, spiega in una nota scritta a macchina lo stesso direttore creativo della maison.

UNA POETICA DA COMPRENDERE - “Ho sempre pensato alla sfilata come a un accadimento magico capace di sprigionare incantesimi”, prosegue Michele. Sulla pedana, tutte le sue ispirazioni: i velluti e le fantasie anni Settanta, i sandali con gli ‘occhietti’, le gonne di tulle e balze, i mini abiti bon ton, colli e maniche vittoriane, stili da dandy e da principesse dei giorni nostri, calzettoni e jeans sdruciti. In sala, la voce di Federico Fellini che parla di cinema (“una suggestione ipnotica, ritualistica, qualche cosa di religioso”) e le note del Bolero di Ravel.

Una azione di maketing in progress, fantasiosa e fuori dagli schemi

Related posts:

  1. Gucci donna FW 2020-21: la sfilata gira come una giostra
  2. Gucci ti immerge in un film. Bypassato il concetto di storytelling nella moda
  3. Armine, la modella Gucci avanguardia della bruttezza non convenzionale
  4. Gli inviti Fendi alla sfilata sotto forma di pasta Rummo. Moda e packaging accoppiata vincente?