Guida all’E-Commerce (31) : importanza, evoluzione, best practice. Di Libero Fusi

I testi  di un E-commerce

Le migliori indicazioni per i testi di un e-commerce sono: valore, chiarezza, credibilità (VCC):

L’esercizio è abbastanza semplice nella sua natura, ma anche molto efficace. Passa attraverso un testo, riga per riga. Valuta ogni affermazione per valore, chiarezza e credibilità.

Valore : C’è un vantaggio per l’utente? Per convincere le persone a pagare soldi, devono capire il valore.

Chiarezza – Questa frase è semplice e chiara? Possiamo accorciarlo? Migliorare la chiarezza? La chiarezza vince sulla persuasione. Elimina tutta la confusione, le parole complicate e il gergo e fai le frasi più brevi possibile.

Credibilità. È credibile? Converti superlativi e vaghezza in affermazioni specifiche.

I tempi di attenzione sono più brevi che mai. Nel 2000, la durata media dell’attenzione di un essere umano era di 12 secondi. In data odierna? Un altro studio ha scoperto che la nostra capacità di attenzione è di soli 8 secondi.

Vai dritto al punto. Taglia ogni parola che non è necessaria.

Per esempio sostituisci: “Semplicemente inserisci la tua email preferita di seguito e avrai accesso istantaneo alla prima lezione.”

con

“Inserisci l’e-mail per ricevere la prima lezione”.

Le frasi brevi sembrano meno impegnative, sembrano meno opprimenti.

Come regola generale, non dovrebbero esserci più di 80 caratteri per riga.

I paragrafi brevi (3-4 righe, massimo) facilitano la scansione. I grandi blocchi di testo sono scoraggianti.

Confronta queste affermazioni e scegli l’affermazione in cui credi di più:

“Consegna pizza più veloce in città” vs. “Consegniamo la tua pizza in 10 minuti”.

“Abbiamo il miglior ristorante italiano” vs. “Il nostro ristorante ha vinto 6 Golden Spoon Awards nella categoria Italian Food”.

“Piani di web hosting più economici” rispetto a “I nostri piani mensili partono da € 1,99”.

“Miglior caffè, garantito” vs. “I principali concorsi hanno votato Esmeralda la vincitrice costante per cinque anni di seguito”.

Scommetto che hai trovato la seconda opzione più credibile in ogni caso.

Dimentica le parole in voga , il nuovo gergo d’ufficio e termini tecnici dal suono stravagante. Le persone vogliono sentirsi come se la copia che stanno leggendo fosse stata scritta per loro. Il gergo è definito come “parole o espressioni speciali usate da una particolare professione o gruppo e difficili da capire per gli altri”.

Quindi, se stai scrivendo una copia che un dodicenne troverebbe difficile da leggere, la tua scrittura è troppo complessa per la persona media.

5 parole/frasi “da brividi” che dovresti smettere di usare immediatamente:

  • Utilizza
  • Abilita (ti permette di…)
  • Molto (davvero, estremamente, abbastanza)
  • Capiamo che… (Nel mondo frenetico di oggi…)
  • Utente finale

Questi non sono gli unici responsabili ovviamente. Qualsiasi parola che è vaga quando potrebbe essere specifica, è complessa quando potrebbe essere semplice, è blanda quando potrebbe essere colorata, non è una parola da usare.

Ti chiedi quando usare “tuo” contro “mio” nel tuotesto?

Non c’è una risposta unica, ma alcune regole generali:

“Mio”: quando vuoi enfatizzare la privacy, la personalizzazione o la proprietà. (“il mio account” o “la mia bacheca dei desideri”)

“tuo”: quando fai domande, fornisci istruzioni o descrivi qualcosa

Un’altra opzione è eliminare qualsiasi punto di vista. “Il mio account” diventa semplicemente “account” ecc.

La chiave è scegliere un punto di vista e attenersi ad esso. Vedere “Il mio account” e “Le tue impostazioni” crea confusione.

Evita frasi generiche: più i testi sono specifici, più saranno chiari.

La “spedizione veloce” lascia indefinitezza rispetto alla “spedizione in 5 giorni”.

“Compra con fiducia” lascia indefinitezza rispetto a “Norton Secured.

Sii il più specifico possibile. Ogni volta che puoi usare una parola con maggiore precisione, fallo.

Fondamentalmente, elimina le parole senza significato a favore di parole ricche, precise e descrittive.

Rispecchia il linguaggio dei tuoi clienti. Guarda le menzioni sui social media della tua azienda, dei tuoi prodotti e del tuo marchio: sonda i clienti.

Conoscere i dati demografici del tuo cliente/visitatore del sito ti consente di capire come le persone parlano dei tuoi prodotti.

Mantieni un tono coerente in tutta la home page.

Le persone notano il tono della voce, anche online. Quando si tratta di tono, i toni casuali, colloquiali ed entusiasti creano le più alte percezioni di cordialità del marchio, affidabilità e desiderabilità.

Tieni presente, tuttavia, che questo tono non funzionerà per tutti i siti. Le industrie più formali (ad es. assicurazioni) dovrebbero posizionarsi più correttamente . Alcuni utenti saranno scoraggiati da un tono spensierato in un contesto serio.

Per informazioni o dettagli contattami:

Libero Norberto Fusi

libero.fusi@4tmarketing.com

Cellulare: 3473217653

#liberofusi #clubmc #marketingjournal #daniloarlenghi #ecommerce

Contatti

Address

Via Andrea Costa 7, Milano, 20131 Milano IT

Phone

Phone: +39 02.2610052

Email

redazione@marketingjournal.it