I dati dell’Osservatorio SANA mostrano una crescita del mercato del biologico

Set 17th, 2021 | Di Redazione | Categoria: Consumi e Consumatori, Ricerche e Osservatori


In occasione della fiera del biologico conclusasi la scorsa settimana, sono stati presentati i dati dell’Osservatorio SANA 2021, promosso da BolognaFiere a cura di Nomisma, con il patrocinio di Federbio e Assobio e il sostegno di ICE Agenzia.

Le vendite alimentari bio nel mercato interno – considerando tutti i canali – hanno raggiunto nel 2021 4,6 miliardi di euro (fonte Osservatorio SANA 2021 curato da Nomisma su survey dirette, dati Nielsen. AssoBio, Ismea, Agenzia ICE), registrando un aumento del +5% rispetto allo scorso anno (anno terminante a luglio 2021).

I consumi at home – con un valore di oltre 3,8 miliardi di euro – rappresentano la porzione più importante del mercato (+4% rispetto al 2020, Anno Terminante Luglio). La dinamica dell’away from home risente positivamente delle progressive riaperture di ristorazione e pubblici esercizi, del ritorno alla mobilità e della progressiva diminuzione del ricorso allo smart working: dei primi mesi del 2021: questi i principali motivi della crescita del biologico nei canali fuori casa (+10% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente) e una dimensione che ha di poco superato i 700 milioni di euro.

La crescita dei consumi domestici riflette il progressivo ampliamento della consumer base (almeno una occasione di acquisto negli ultimi 12 mesi) che nel 2021 ha raggiunto ormai l’89% delle famiglie (nel 2012 questa percentuale era del 53%). Questo significa che oggi quasi 9 famiglie su 10 hanno acquistato almeno una volta nell’ultimo anno un prodotto biologico e che in soli 9 anni il numero di famiglie acquirenti è aumentato di circa 10 milioni.

E il bio non è di certo una moda: in oltre la metà delle famiglie italiane (54%), cibo e bevande bio si consumano almeno una volta a settimana e per il 50% dei responsabili degli acquisti alimentari il biologico nel carrello rappresenta sempre la prima scelta, soprattutto per alcune categorie di prodotti come frutta, verdura e uova.

Ma qual è il profilo del frequent user bio? Diversi sono i fattori che incidono sull’interesse verso i prodotti bio: in primis il reddito e il titolo di studio (la quota di frequent user è più alta tra i responsabili di acquisto con reddito mensile e titoli di studio medio-alti), ma anche la composizione del nucleo familiare (dove ci sono figli e, in particolare, bambini con meno di 12 anni, la percentuale di user abituali cresce fino al 62%). Anche le abitudini alimentari influenzano il consumo frequente di prodotti bio: nelle famiglie in cui ci sono vegetariani o vegani il tasso di frequent user bio sale al 76%.

Anche le caratteristiche della confezione sono importanti nelle scelte di acquisto: il packaging del prodotto bio deve essere sostenibile, il che si traduce, per il 52% dei consumatori, in una confezione riciclabile al 100% oppure totalmente compostabile (per un altro 27%).

Related posts:

  1. Sempre più sostenibile il carrello della spesa degli italiani: i dati dell’Osservatorio Immagino
  2. Assobio rileva come nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza il biologico sia stato escluso da qualsiasi tipo di finanziamento
  3. Mercato Birra Italia: crescita a doppia cifra nella GDO ma crollo nel fuori casa
  4. Mercato pubblicitario in crescita a luglio: +6,9%; nei primi 7 mesi +23,1%. Nielsen: ridotto il gap col 2019 pre-Covid