I dati dell’Edelman Trust Barometer: fiducia nei brand dei consumatori 2021

Lug 20th, 2021 | Di Redazione | Categoria: Breaking News, Comunicazione, Marketing, Psicologia & Sociologia


Come si evince già dal titolo, il report presenta la fiducia nella marca come «la nuova brand equity», cioè quell’asset intangibile, collegato alla notorietà delle marche, che è determinante per il successo del business.

Secondo l’indagine di Edelman, società di consulenza in comunicazione e relazioni pubbliche, la fiducia nei brand nel 2021 si rivela un elemento sempre più decisivo per le decisioni d’acquisto.

Un’analisi sul grado di fiducia nei brand nel 2021 e le implicazioni per le aziende

La qualità dei prodotti e dei servizi, la reputazione della marca e il rapporto costi-benefici: cosa conta di più per i consumatori? L’88% degli intervistati da Edelman ritiene che fidarsi di una marca sia un fattore determinante nella decisione d’acquisto, ancor più della brand reputation . Coerentemente con questo dato, il 68% degli intervistati sostiene che la fiducia nei brand nel 2021 è più importante rispetto al passato, dato che sale al 75% nel caso di consumatori con un’età compresa tra i 18 e i 35 anni.

Il report di Edelman rileva orientamento nei confronti dei brand di 14mila consumatori di 14 paesi diversi: Brasile, Canada, Cina, Francia, Germania, India, Giappone, Messico, Arabia Saudita, Sudafrica, Corea del Sud, Emirati Arabi Uniti, Regno Unito e Stati Uniti. L’indagine, condotta tra il 12 maggio e il 2 giugno 2021, ha messo in evidenza le conseguenze che un maggior livello di fiducia da parte dei consumatori può avere per le aziende.

A questo proposito, è possibile pensare alle ripercussioni in ottica passaparola : il 61% degli intervistati si dichiara più propenso a consigliare sui social media i brand di cui si fida. Secondo il 57% dei consumatori, la fiducia in una marca aumenterebbe anche la propensione ad acquistare nuovi prodotti o servizi lanciati dall’azienda, anche quando questi non sono così convenienti come quelli dei competitor.

La fiducia nei brand tenderebbe a incidere positivamente anche sulla brand loyalty (secondo il 43% degli intervistati). Infine, essa potrebbe avere un impatto anche sul livello di engagement dei consumatori e infatti il 31% degli intervistati ha dichiarato di essere più propenso a partecipare alle attività o a prendere parte alle cause promosse dai brand di cui si fida e a condividere con questi propri dati personali (un aspetto fondamentale per poter raggiungere i consumatori e interfacciarsi con loro in modo più personalizzato).

Cosa si aspettano i consumatori dalle marche?

Dall’analisi condotta da Edelman emerge l’impatto della fiducia nei brand sul successo aziendale; cosa, però, può contribuire ad aumentarla? A raggiungere un punteggio più alto nell’Edelman Brand Trust Score (l’indice di Edelman che misura il grado di fiducia nei confronti delle marche) sono i brand che si concentrano sul cambiamento culturale in atto nella società, rispetto a quelli che si limitano a rispecchiarla o a quelli che invece si focalizzano sull’aspetto funzionale dei propri prodotti.

L’86% del campione ha dichiarato di aspettarsi che i brand intraprendano delle azioni che vanno al di là del business e della creazione e della vendita di prodotti: tra le tipologie di iniziative citate dagli intervistati vi sono il supporto economico a cause di rilievo, le azioni per promuovere un cambiamento positivo nella società, il supporto a comunità locali e la promozione di una cultura più tollerante (si pensi per esempio alle campagne e alle iniziative volte a promuovere la diversità e l’inclusione).

Related posts:

  1. E’ crollata la fiducia dei consumatori verso i brand: ora la ricostruzione passa dagli individui
  2. Italians…in food we trust: cresce la fiducia nell’alimentare
  3. Confcommercio: “Forti aspettative di ripresa dalla fiducia di imprese e consumatori”
  4. Tgcom24 è il sito di news più letto nell’anno della pandemia, Ansa ancora prima per affidabilità (con la fiducia dell’82% degli italiani)