I distributori automatici più pazzi ed originali del mondo

Ago 25th, 2020 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B


Dai lingotti d’oro ai granchi vivi, dalle scarpe agli involtini primavera: paese che vai, distributore automatico che trovi. Ecco i più strani e curiosi dei cinque continenti.

C’era una volta “la macchinetta”: infilavi una moneta nell’apposita fessura e, se tutto funzionava, ne avevi in cambio una cartolina, un caffè, una bibita o una merendina.

Oggi le “vending machine”, come le chiamano gli addetti ai lavori, sono sofisticati negozi in miniatura nei quali è possibile acquistare di tutto: dagli snack ai libri, dai sex toys ai biglietti aerei, dalle ricariche per i telefonini alle pizze appena sfornate.

Solo nel nostro paese, secondo CONFIDA (l’Associazione Italiana dei Distributori Automatici), sono 2.405.000 (una ogni 25 abitanti) e generano un fatturato annuo di circa 2,5 miliardi di euro. A farla da padrone sono i caffè (ne beviamo 6 milioni al giorno), seguiti dalle altre bevande calde, dalle bibite, dagli snack e dai gelati. Ma cosa altro si vende nei milioni di distributori automatici sparsi per il mondo? Ve lo raccontiamo in questa fotogallery.

Macchinette preziose… Nati negli Emirati Arabi, i distributori automatici di lingotti d’oro sono ormai presenti in diversi Paesi. In Italia si trovano nelle aree di partenza degli aeroporti di Linate (Milano) e Orio al Serio (Bergamo): distribuiscono lingotti d’oro da 24 carati da 1, 5 e 10 grammi di peso. Ovviamente non si paga in monete, ma con la carta di credito.

Da questo distributore automatico di Sydney (Australia), si può acquistare una Coca Cola e pagarla con un SMS. Oppure farsela offrire da un amico che sta dall’altra parte del mondo

Alla Shanghai Hairy Crabs si potrà contestare di tutto ma non la freschezza dei suoi prodotti. L’azienda, specializzata nel commercio di crostacei, ha installato in diverse città della Cina dei distributori automatici dai quali è possibile acquistare granchi, ancora vivi, pronti da mettere in pentola. Gli animali sono conservati a una temperatura di 5 °C, che li mantiene in uno stato di torpore simile al letargo (vedi video in basso).

E se l’animale dovesse essere morto (probabilmente di freddo e stenti, vista la sua terrificante prigionia)? Tranquilli: l’azienda vi rifonderà con 3 granchi vivi.

Tablet o smartphone con la batteria a terra? Niente paura: c’è il distributore automatico di energia elettrica. Basta infilare qualche moneta o una carta di credito nell’apposita fessura e cercare il cavo con l’attacco giusto per il proprio dispositivo. Il prezzo? Non particolarmente vantaggioso: una ricarica di 30 minuti costa circa 2 euro.

Niente paura: in questa macchinetta ci sono effettivamente dei vermi, ma non a causa del cattivo stato di conservazione degli alimenti, bensì perché vende… esche. Si chiama Live Bait e da qualche anno ha fatto la sua comparsa sulle sponde di alcuni laghi e fiumi americani particolarmente frequentati dai pescatori. Offre confezioni di vermi, insetti e altri tipi di esche, sia vive sia artificiali.

Vi si è macchiata la cravatta appena prima di un appuntamento importante? Basta scendere in strada e cercare il più vicino distributore automatico di cravatte. Le fantasie non sono all’ultimo grido, ma per tamponare un’emergenza ci si può accontentare.

Un distributore automatico di ombrelli in un parcheggio di Tokyo. Geniale e utilissimo in caso di acquazzoni improvvisi.

Caffè, snack e merendine sono roba da occidentali: in Giappone, la patria dei distributori automatici, le macchinette erogano pasti caldi pronti da mangiare, ottenuti scaldando a microonde piatti congelati.

Nemmeno le scarpe sono rimaste fuori dalle “macchinette”: guardate queste ballerine dell’inglese Rollasole, vendute arrotolate in speciali confezioni cilindriche. Il costo? Circa 25 euro

Related posts:

  1. Stop alle monetine! Satispay sbarca anche sui distributori automatici per uno smart Vending Machine
  2. In fortissima ripresa il consumo di frutta fresca nei distributori automatici di uffici e autostrade
  3. La “vending machine” per auto di lusso più grande del mondo è a Singapore
  4. Unicef ed il guerrilla marketing contro l’acqua non potabile