Il benessere e la sostenibilità oggi secondo gli italiani

Mag 19th, 2020 | Di Redazione | Categoria: Indagini e Sondaggi


Due valori che per i consumatori del nostro Paese continuano a diventare sempre più centrali. Ecco come da due rispettivi osservatori

Benessere psicologico da un lato e sostenibilità dall’altro. Due fronti diversi ma che hanno in comune l’avere un ruolo sempre più centrale nella vita degli italiani, le cui credenze e abitudini annesse sono almeno in parte condizionate e “accelerate” dalla situazione attuale.

Le fonti. Ad indagare questi due temi sono rispettivamente l’Osservatorio Reale Mutua sul welfare e il “6° Osservatorio nazionale sullo stile di vita sostenibile”, ricerca annuale realizzata da LifeGate, in collaborazione con Eumetra Mr.

LA SOSTENIBILITA’ SECONDO GLI ITALIANI

Il dato sull’interesse degli italiani rispetto alla sostenibilità è in costante crescita e quest’anno tocca i 36 milioni di appassionati e interessati al tema, con un 72% degli intervistati che lo percepisce come patrimonio comune in grado di influenzare le abitudini quotidiane. Tra questi, coloro che mostrano il maggior interesse sono soprattutto i giovani della Generazione Z e le donne, con un’età compresa tra i 35-54 anni, diplomate o laureate, professionalmente attive.

I risultati della ricerca hanno rivelato come il 46% della popolazione (+14% rispetto al 2019) abbia piena comprensione del vocabolario della sostenibilità: il 70% conosce il fenomeno del riscaldamento globale (81% Gen Z); il 63% della crisi climatica (70% Gen Z); il 63% l’energia sostenibile (+20% rispetto al 2019); il 51% l’alimentazione sostenibile (+13%); il 46% la mobilità sostenibile (+23%); il 40% la moda sostenibile (+20%); il 40% il turismo sostenibile ( +15%) e il 34% la sostenibilità sociale (43% nella Gen Z).

L’introduzione dell’Ecobonus per uno sconto fiscale in favore di lavori di efficientamento energetico nelle abitazioni e nei condomini è una questione fondamentale per l’87% degli italiani. Il tema della plastica è particolarmente sentito dall’86% degli intervistati che chiede l’attivazione di direttive regionali che vietino l’utilizzo di oggetti monouso in plastica sulle spiagge e considera importante lo stop dell’Unione Europea all’utilizzo di oggetti in plastica monouso (piatti, cannucce, posate) a partire dal 2021. Il nuovo quesito sull’importanza delle proteste dei giovani del movimento Fridays For Future per trovare soluzioni per fermare l’emergenza climatica, convince il 76% del campione.

Per quanto riguarda i comportamenti virtuosi, l’83% dichiara di fare sempre la raccolta differenziata, il 40% di limitare l’utilizzo di bottiglie di plastica, il 30% di utilizzare mezzi di trasporto meno inquinanti (38% Gen Z) e il 29% di consumare prodotti a chilometro zero.

Abitudini di acquisto
Il 26% dichiara di essere disposto a spendere di più per l’acquisto di prodotti sostenibili. Nello specifico: prodotti a km 0 il 44%; prodotti bio il 36%; giocattoli con materiali sostenibili 36%; energia rinnovabile 32% (40% Gen Z); sistemi di domotica per un risparmio energetico 24% (35% Gen Z).

Cresce del 6%, rispetto al 2019, l’interesse d’acquisto verso le polizze contro le calamità causate dai cambiamenti climatici, che arriva al 19%. Aumenta del 15% anche la conoscenza del turismo sostenibile che tocca il 40% e 10,5 milioni di italiani dichiarano di scegliere una vacanza sostenibile, anche se il prezzo è maggiore.

La scelta dei capi d’abbigliamento viene influenzata per il 46% dal prezzo e dal 44% dalla qualità del prodotto. Più sensibile alla provenienza dei materiali è la Generazione Z con un 32% contro il 17% degli altri intervistati.

I requisiti richiesti alle aziende
Un’azienda è considerata sostenibile se usa responsabilmente le risorse (61%), è attenta ai lavoratori (32%), controlla la filiera (30%), fornisce informazioni trasparenti ai clienti (26%). Il 34% dei giovani della Gen Z considera fondamentale l’assistenza continuativa ai clienti.

Investimenti sostenibili
Per gli italiani anche gli investimenti sostenibili sono diventati importanti, infatti l’89% dichiara che a parità di rendimento gli sceglierebbe rispetto a quelli tradizionali e il 67% farebbe questo tipo di investimento anche se avesse un rendimento inferiore.

I risultati completi della ricerca sono consultabili su lifegate.it/osservatorio

IL BENESSERE PSICOLOGICO AI TEMPI DEL COVID

La pandemia di coronavirus ha portato a un cambiamento radicale delle abitudini di vita e, per alcuni, sta mettendo a dura prova anche l’aspetto della tenuta psicologica. Secondo l’Osservatorio Reale Mutua sul welfare gli italiani ritengono molto utili le pratiche e discipline che favoriscono il benessere mentale: più di uno su tre (42%), infatti, si dice interessato e propenso a provare attività come yoga, meditazione, tai chi e mindfulness, e il 17% già ha provato a praticarle

Per praticare queste attività in periodo di isolamento in aiuto arriva la tecnologia: app (15%), lezioni da remoto e video tutorial (31%). Lo conferma anche un’analisi delle ricerche online dei connazionali: nei primi mesi del 2020 spopolano i workout casalinghi per restare in forma e scaricare le tensioni, e tra le parole più ricercate ci sono appunto “app yoga”, “yoga online” e “stretching”.

Sono sempre di più anche gli italiani interessati a queste pratiche, sono anche molti quelli che le vorrebbero applicate anche nell’attività lavorativa una volta tornati alla normalità. A beneficiarne dovrebbero essere soprattutto i lavoratori sottoposti a scadenze e ritmi frenetici (37%) e quelli che oltre agli impegni di lavoro devono far fronte a compiti di cura impegnativi, come nel caso di genitori con figli piccoli o dei caregiver (33%).

Insieme a queste pratiche, a favorire il benessere mentale durante l’attività lavorativa è la possibilità di una gestione personalizzata del proprio tempo, resa possibile da forme di welfare come la flessibilità oraria (66%) e lo smartworking (27%). Molto utile, infine, è anche la possibilità di disporre di un consulente psicologico (14%) con cui confrontarsi.

Related posts:

  1. Buone intenzioni ma poca chiarezza sulla sostenibilità alimentare secondo indagine Altroconsumo
  2. Le nuove abitudini degli italiani durante la pandemia secondo GFK
  3. L’indagine di Google sul benessere digitale fa luce sulla percezione che gli italiani hanno delle proprie abitudini digitali.
  4. Italiani e social media 2020: abitudini e nuovi trend secondo Blogmeter