Il carrello degli italiani nel 2020: sì naturalità, stop all’ascesa free-from

Gen 12th, 2020 | Di Redazione | Categoria: Consumi e Consumatori


Una buona notizia per il mondo del fresco, che avrà nuove opportunità di crescita nel carrello degli italiani. Stando alle stime, infatti, nell’anno nuovo si conferma una preferenza crescente per naturalità e salutismo, pur in armonia con un ritorno alla tradizione.

Il contesto è quello di un sentiment generale che per il 2020 guarda a cambiamento e sostenibilità, con previsioni di crescita positive per il settore della gdo. Parallelamente, per quanto riguarda la spesa alimentare, si prevede un trend molto favorevole in ambito di consumi domestici (+12% il saldo tra chi intende aumentarla e chi vuole diminuirla) e leggermente negativo per quelli extradomestici (-3%). Questo anche grazie all’esplosione dell’eGrocery e del meal delivery.
Guidano tradizione e naturalità

Sia in casa che nei consumi outdoor la maggioranza degli italiani immagina di lasciarsi guidare dalla tradizione e dalla naturalità facendo scelte che penalizzano il junk food (la spesa nei fast food scenderà secondo il 22% degli italiani), la carne rossa e per la prima volta anche i piatti pronti (in calo entrambi secondo il 20% degli italiani).

Vincono ancora i prodotti integrali, i cereali alternativi, le carni bianche e i legumi, meglio se biologici. Sebbene in crescita, evidenziano invece saldi meno pronunciati i prodotti che avevano segnato gli stili alimentari emergenti alcuni anni fa. Per i prodotti etnici, vegani, gluten e lactose free la quota di coloro che prevedono di far crescere la spesa supera di poco quanti intendono ridurla.

Related posts:

  1. Ciclone tropicale nel carrello della spesa degli italiani. È boom degli ingredienti esotici
  2. Rapporto Coop 2018, il carrello degli italiani. Bio e freschi, lusso, e-food e ready to eat i trend
  3. Le preferenze degli italiani per i regali natalizi da una analisi Coldiretti
  4. E’ spesa di guerra quella degli italiani in quarantena: boom degli acquisti alimentari, +47% latte, +50% uova, +83% farine