Il Covid colpisce anche l’influencer, brusco taglio agli sponsored post

Giu 12th, 2020 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Comunicazione


L’influencer marketing non convince più? Di certo, ha convinto di meno nella fase di Covid 19. Da febbraio a maggio 2020 i brand hanno puntato meno sulla pianificazione social attraverso i post a pagamento.

Nel periodo, gli sponsored post su Instagram sono diminuiti in media del 46%, mentre engagement e reach ha visto un calo del 64 per cento. È quanto risulta da una uno studio effettuato da Dmr Group che ha fatto affidamento su un panel di oltre 25mila account selezionati in tutto il mondo, particolarmente significativi per i settori moda, lusso, cosmetica e lifestyle.

Due le motivazioni dell’arretramento. Durante il lockdown le aziende hanno preferito altri strumenti di marketing per mantenere vivo il rapporto con i propri consumatori. Inoltre, inevitabilmente, a causa del confinamento forzato, i digital creator sono stati costretti a modificare i contenuti, proprio come accaduto ai loro follower.

Nel mese di aprile però, nonostante il calo dei contenuti, engagement e reach sono aumentati notevolmente rispetto a marzo grazie ad alcuni post di noti atleti legati a colossi sportivi come Nike e Adidas.

Tra questi spiccano i campioni Cristiano Ronaldo (223 milioni di follower) e Lionel Messi (154 milioni di followers), che insieme hanno rappresentato il 58% dell’engagement e il 60% della reach totali del mese. Il calciatore portoghese è anche la persona con più Instagram follower al mondo. Nella top 5 dei content creator con paid parternship ci sono proprio Ronaldo, Messi, la conduttrice brasiliana Maisa Silva, Chiara Ferragni e l’attore indiano Ranveer.

Nel periodo analizzato, il segmento Emea ha totalizzato una diminuzione più numerosa dei contenuti sponsorizzati rispetto alle Americhe e all’Apac, ma il relativo calo di engagement è stato più contenuto che nelle altre aree geografiche. La moda è il settore che ha visto un calo maggiore di contenuti tra febbraio e maggio, seguito da gioielli/orologi e dal beauty.

La moda conta una diminuzione dei post di circa il 55%, mentre l’engagement è sceso del 69% e il reach del 67 per cento. Il beauty ha subito un calo del 28% dei post con un engagement del -46% e un reach del -48%. Gioielli/orologi hanno subito un calo dei post pari al 57%, engagement -58%, reach -76 per cento.

Related posts:

  1. La rivincita di Twitter, il più attivo dei social ai tempi del Covid 19
  2. Il CEO activism sui social, nuova tendenza post-Covid
  3. Nielsen: il post di un influencer può raggiungere fino a 1,3 milioni di persone
  4. “Come gli influencer ed i social concorrono nella decisione d’acquisto ?” Presente e futuro dell’influencer marketing in Italia