Il Marketing Ringrazia Gallup

Mar 9th, 2021 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Marketing


George Gallup non solo ha fondato oltre 80 anni fa il più importante istituto di sondaggi di opinione al mondo “azzeccando” la vittoria di Franklin Roosevelt contro Alfred Landon alla presidenza degli Stati Uniti d’America, ma ha stabilito una tradizione nel modo di porre scientificamente le domande per la raccolta oggettiva delle opinioni, dando in questo modo voce a milioni, miliardi di individui che precedentemente non avevano mai avuto la possibilità di esprimersi su tutto ciò che li coinvolgeva e li riguardava direttamente in prima persona.

A Gallup deve essere riconosciuto anche un valore etico indiscutibile. Fin da subito si presentò infatti come istituto indipendente affermando che non avrebbe mai condotto sondaggi di opinione pagati o sponsorizzati da gruppi di interesse economici o partiti e così è stato.

Gallup è andato oltre il metodo della raccolta dati sulla pubblica opinione ed ha fornito al marketing e alla comunicazione (anche il pubblicitario David Ogilvy ha fatto parte dello staff della Gallup) molti strumenti operativi come ad esempio quelli necessari per la valutazione oggettiva e comparativa del valore della marca.

Ma come è possibile misurare il rapporto che lega la marca al consumatore in modo oggettivo?

Ecco qui a seguire la proposta della Gallup, una scala a 5 punti per una valutazione standardizzata e comparativa del legame che intercorre tra il consumatore e il brand:

- Quanto sei soddisfatto di quanto ti offre questo marchio? Indica la tua intenzione di riacquistare
(nel caso tu ne abbia bisogno) i prodotti di quel marchio.
- Quanto raccomanderesti l’acquisto ad un tuo amico dei prodotti così marcati?
- Quanto ti senti orgoglioso di usare dei prodotti con questo marchio?
- Quanto sei d’accordo sul fatto che questo marchio sia quello giusto per persone come te?
- Ritieni che non esista un marchio che ti possa offrire tanto quanto questo marchio?

Questo è il modo standardizzato per stabilire quanto un marchio realmente vale ma volendo possiamo usare queste domande anche per valutare oggettivamente e comparativamente il valore di un servizio.

Scritto da Vincenzo Freni

Per info e consulenze:
frenimkt@frenimkt.com
www.freniricerchedimarketing.com

Related posts:

  1. Esselunga, Master in Marketing. Messa in scena da studiare
  2. Lean Marketing, un modello di marketing del domani
  3. Marketing online anticrisi: cinque strumenti per le imprese
  4. Il Marketing dei beni di lusso: luxury marketing