Il mondo della Gdo in Italia a cura di Distribuzione Moderna

Apr 13th, 2021 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Marketing


Distribuzione Organizzata e Grande Distribuzione Grande Distribuzione (Gd) e Distribuzio-ne Organizzata (Do) sono i due acronimi che rappresentano la Gdo.

Rientrano nella Do (detta anche Distribuzione As-sociata) le catene di punti vendita facen-ti capo a operatori commerciali giuridi-camente distinti ma legati da un rappor-to di collaborazione volontaria, di tipo consortile, cooperativo o associativo.

Nonostante abbiano un certo margine di autonomia gestionale, le catene distri-butive appartenenti alla Do sono dotate di un grado di integrazione verticale: ri-sultano, dunque, centralizzate le funzio-ni della contrattazione degli acquisti, la logistica, le insegne, la marca commer-ciale e, in generale, il marketing e le altre politiche commerciali.

I format distributiviSia le catene distributive appartenenti alla Gd che quelle appartenenti alla Do operano con punti vendita gestiti preva-lentemente con le tecniche del libero servizio, applicate in format differenziati per le dimensioni della superficie di ven-dita: ipermercato (oltre 2.500 mq), su-perstore (tra 1.500 e 2.499 mq), super-mercato (tra 400 e 1.499 mq), superette (tra 200 e 399 mq). Fanno parte di questa classificazione anche i minimer-cati, dotati di una superficie di vendita compresa tra 100 e 199 mq e i discount, che si distinguono soprattutto per la po-litica di prezzo (solitamente più bassa) e la tipologia dell’assortimento: fino a qual-che anno fa infatti, a differenza di oggi, venivano tradizionalmente esclusi i pro-dotti freschi e la marca commerciale

La formula del franchisingIl franchising, detto anche contratto di “affiliazione commerciale”, è una forma a cui fanno ricorso sia la Grande Distri-buzione che la Distribuzione Organizza-ta.

Si tratta, in sostanza, di una forma di contratto tramite il quale l’affiliante (Ma-ster franchisor) concede all’affiliato (Ma-ster franchisee) l’utilizzo dei propri segni distintivi (insegna e marchio) e della pro-pria formula commerciale, insieme ad altre forme di assistenza tecnica e com-merciale, così che l’affiliato possa svol-gere la propria attività con la stessa immagine dell’impresa affiliante

Le supercentrali d’acquisto

I primi cambiamenti nel panorama distributivo nazionale si sono avuti sul finire degli anni ’80 del secolo scorso quando, considerata l’eccessiva frammentazione della Gdo italiana, le catene hanno de-ciso di creare delle alleanze per aumen-tare il proprio potere di contrattazione commerciale nei confronti dell’industria agroalimentare, attraverso una negozia-zione collettiva coi fornitori.

Si tratta di alleanze di mero tipo contrat-tuale, che possono assumere la forma di un contratto di mandato alla negozia-zione degli acquisti in forma collettiva ovvero, nel caso in cui si provveda alla costituzione di una vera e propria socie-tà, di negoziazione degli acquisti per i propri soci. Le supercentrali d’acquisto non effettuano direttamente gli acquisti per le imprese associate, ma si limitano a stabilire, tramite accordi quadro, le condizioni generali in base alle qualli tali gli acquisti devono essere effettuati

Spetterà poi alle singole catene distribu-tive fungere da centrale d’acquisto per il proprio gruppo e per i propri affiliati. Da tali negoziazioni vengono esclusi i prodotti della marca privata, quelli di “pri-mo prezzo” e di alcuni prodotti freschi, la cui contrattazione avviene a livello lo-cale o a livello di centrale d’acquisto.

L’obiettivo prioritario della centrale d’acquisto, quindi, è la gestione del contrat-to fornitore e il catalogo prodotti per ca-tegorie con la relativa struttura di gamma merceologica. Quali sono i vantaggi?

Le supercentrali d’acquisto consentono di garantire una maggiore trasparenza nel-le trattative, prezzi d’acquisto migliori, certezze nei pagamenti, di prevenire pos-sibili frodi fiscali e assicurare un flusso costante nelle forniture.

Il prezzo d’acquisto contrattato, in particolare, si com-pone di uno o più sconti, applicati diret-tamente in fattura e di altri sconti e con-tributi (i cosiddetti extra-fattura) legati al raggiungimento di determinati obiettivi di vendita o ad attività promozionali o di posizionamento del prodotto sugli scaf-fali, prestazioni che determinino concre-ti vantaggi per i produttori.

Related posts:

  1. Lotta allo spreco alimentare, l’impegno della distribuzione moderna
  2. Sii il cambiamento che vuoi vivere nel mondo grazie ai corsi on line in Digital Marketing della ClubMC Academy
  3. La Grande Distribuzione non sente la crisi nel 2020: salgono le vendite nell’anno della ‘bolla’. Esplode il canale online: +134%
  4. Ri-nascita Italia, manifesto per la ripartenza e lo sviluppo del Paese, a cura della Fondazione Carli