Incongruenze Interpretative - Sales Promotion: Concorsi e Operazioni a Premio dalla A alla Z a cura di Miriam Forte

Ott 2nd, 2021 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Marketing


Sempre più frequentemente si trovano sul mercato persone che si presentano come consulenti esperti di manifestazione a premi ed addirittura, come “legal” dei concorsi.

Peccato che poi al momento di fornire una consulenza all’azienda, scelgono la strada più facile, quella cioè di permettere tutto, senza analizzare a fondo la problematica e le relative conseguenze, essendo poco “consulenti” e neppure “legal”.

Oggi pertanto affronteremo il problema del numero di verbali che devono essere sottoscritti nell’ambito di un concorso a premi con modalità di assegnazione vincite con sistema: Instant Win.

In base all’articolo 9 del DPR 430 il capitolo 1 cita testualmente:
”Nei concorsi a premio ogni fase dell’assegnazione dei premi è effettuata, con relativo onere a carico dei soggetti promotori, alla presenza di un notaio o del responsabile della tutela del consumatore e della fede pubblica competente per territorio di cui all’art.20, comma 2, del decreto legislativo 31 marzo 1998 n.112, o di un suo delegato; se il congegno utilizzato per l’assegnazione dei premi richiede particolari conoscenza tecniche, il notaio o il pubblico ufficiale è affiancato da un esperto che rende apposita perizia.”

L’articolo non specifica quante volte deve essere presente il soggetto verificatore, mentre dalla FAQ esplicativa si evince chiaramente che sia sufficiente una certificazione/verbale di constatazione a fine manifestazione.

Come molte aziende ed Agenzie sanno, a Milano la Camera di Commercio “pretende” di effettuare almeno un verbale di rilevazione vincite ogni due o tre mesi.

Io concordo con questa scelta in quanto, nei concorsi a tipologia Instat Win, non vengono messi in palio solo biglietti per assistere a partite, cosa questa che per sua natura non consente di attendere la verbalizzazione prima di essere consegnati, pena il decadimento della sua validità; ma anche frigoriferi o altri beni di alto valore, beni che prima di essere consegnati è opportuno che vi sia una certificazione alle spalle, che tuteli l’azienda Promotrice.

Come sappiamo la previsione di una sola verbalizzazione finale contenuta nella FAQ emessa dal Ministero dello Sviluppo Economico, è conseguente al fatto che le aziende presentino in sede di avvio concorso, una perizia software che ne descriva il funzionamento tecnico non manomettibile, cosa questa che NON avviene in quanto, molti si limitano a fotocopiare perizie relative ad altri lavori o addirittura, indicano semplicemente che il sistema è stato predisposto come da regolamento.

Si comprende bene che tali dichiarazioni non tutelano il Promotore, pertanto, meglio avere un verbale intermedio in più prima di consegnare i premi, piuttosto che trovarsi alla fine con contestazioni difficili se non impossibili da superare.

#concorsi #operazioniapremio #miriamforte #tps #clubmc #marketingjournal #daniloarlenghi

Per info o consulenze:

Miriam Forte
mail:dpr430@gmfc.it
cell.348 2649999

Related posts:

  1. Falsi Concorsi - Sales Promotion: Concorsi e Operazioni a Premio dalla A alla Z a cura di Miriam Forte
  2. Concorsi a premio “Liberi” - Sales Promotion: Concorsi e Operazioni a Premio dalla A alla Z a cura di Miriam Forte
  3. Community anche nel mondo dei concorsi a premi? - Sales Promotion: Concorsi e Operazioni a Premio dalla A alla Z a cura di Miriam Forte
  4. Ma quando arriva il mio premio? - Sales Promotion: Concorsi e Operazioni a Premio dalla A alla Z a cura di Miriam Forte