It’s in the game: la rivoluzione Fifa ‘94

Lug 7th, 2021 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Marketing


Fifa è stabilmente uno dei videogiochi sportivi più venduti, ma la sua genesi non è stata affatto semplice.

Quando la EA Sport iniziò a sviluppare “EA Soccer” nessuno crede veramente nel progetto e per la realizzazione vennero stanziati appena 30.000 dollari.

In Nord America il calcio è uno sport minore, l’attività dei ragazzini che non hanno il fisico per il football o il talento per il basket.

In California non avevano ben chiaro l’impatto che un gioco realistico sul calcio avrebbe potuto avere sulle casse della società e affidarono il progetto al talentuoso, ma sconosciuto sviluppatore Jan Tian.

La sua idea fu quella di dare al gioco una visuale realistica, completamente diversa da quelle a cui il pubblico era abituato, voleva che sembrasse una partita vera vista in tv.

Solo chi ha giocato a International Soccer del 1983, con le linee di fondo campo in diagonale e i giocatori sovrappeso, può capire che rivoluzione fu.

Jan Tian dedicò tutto se stesso nella realizzazione, finendo addirittura ricoverato per il troppo stress, si dice lavorasse giorno e notte anche quando le prime demo già circolavano fra i dipendenti di EA, raccogliendo pareri entusiastici.

La leggenda vuole che il suo direttore, per impedirgli di continuare a lavorarci, sia stato costretto a sequestrargli la tastiera e a distruggere la sua copia master.

Molto del successo del gioco, che in breve tempo arrivò a vendere oltre mezzo miliardo di copie, si deve a Tom Stone, responsabile marketing EA in Europa.

L’intuizione di Tom fu quella di andare a parlare con i vertici FIFA, per ottenere un nome più seducente e vendibile di “EA Soccer”.

Fu la fortuna del gioco, perché i vertici FIFA non avevano la minima idea di cosa avessero davanti e concessero i diritti sul marchio a fronte di una minima percentuale sulle vendite.

“Ero davanti a dei vecchi che non avevano la più pallida idea di quello che avevano difronte”.

Oggi per la realizzazione del gioco EA Sport investe ogni anno 350 milioni di dollari, non male per un progetto minore.

#marketing #comunicazione #social #fortunatomonti #marketingjournal #psicologiadeiconsumi

Fortunato Monti
Web & Social Marketer & Content Creator
fortunato.monti@gmail.com

Related posts:

  1. Bill Bernbach: la rivoluzione creativa nella pubblicità
  2. Game Over, Insert Marketing To Continue
  3. Andrea Ferrari: “La voce come rivoluzione punk della comunicazione”
  4. Giorgia Palmas testimonial di GiocoDigitale.game