Jurassic World – Il dominio: e se stavolta fossero i dinosauri a salvarci?

Era il lontano 1993, quando nelle sale cinematografiche di tutto il mondo usciva il primo film della saga di “Jurassic Park” diretto da Steven Spielberg: oggi, a quasi 30 anni di distanza, al primo posto della classica delle pellicole più viste in Italia, dopo un solo weekend di programmazione, si impone “Jurassic World – Il dominio” di Colin Trevorrow, sesto, spettacolare capitolo di un universo narrativo in continua espansione.

Tutto è cominciato con il romanzo di Michael Crichton, pubblicato nel 1990: “Jurassic Park” è un successo editoriale e conferma così che l’interesse della Amblin Entertainment -la casa di produzione fondata da Steven Spielberg che ha acquisito i diritti del libro ancor prima dell’uscita- è stato ben riposto; lo stesso Crichton lavora alla sceneggiatura insieme a David Koepp e, nonostante le differenze rispetto al libro, il film è un trionfo mondiale, amato dal pubblico e giudicato favorevolmente dalla critica.

Gli effetti speciali della Industrial Light & Magic, del resto, sono stupefacenti, l’uso della CGI (Computer-Generated Imagery), la computer grafica 3D, rende i dinosauri “reali”: nonostante i progressi fatti nel campo degli effetti visivi, ancora oggi il primo dinosauro che appare in questo film, il maestoso brachiosauro, incanta come un prodigio.

“Jurassic Park” entra così a buon diritto nell’immaginario degli spettatori e le inconfondibili note della colonna sonora di John Williams restano, a distanza di anni, capaci di suscitare meraviglia e terrore: cosa è rimasto, oggi, di quella magia?

Alla prima trilogia, che ha coinvolto alternativamente i personaggi del film d’esordio -il paleontologo Alan Grant (Sam Neill), la paleobotanica Ellie Sattler (Laura Dern) e il matematico Ian Malcolm (Jeff Goldblum)-, se n’è aggiunta una seconda, cominciata nel 2015 con “Jurassic World”; se l’idea di un Parco in cui l’attrazione principale fossero i dinosauri è fallita per svariate e sanguinose ragioni nelle prime tre pellicole, ora si è trasformata in realtà grazie ai progressi della genetica, con la conseguenza che i dinosauri sono diventati un business e la loro presenza non suscita più stupore.

Come un qualsiasi “prodotto”, infatti, questi animali devono necessariamente rinnovarsi per attirare l’interesse dei consumatori: la “Disneyland” dei dinosauri, diretta da Claire Dearing (Bryce Dallas Howard), si trasforma allora in un laboratorio, in cui si compiono esperimenti per rendere più terrificanti le specie da esporre e si attuano strategie finalizzate a domarle, grazie agli studi del comportamentalista animale Owen Grady (Chris Pratt).

Questa svolta “capitalistica” ha fatto storcere il naso ai fan più nostalgici del “Jurassic Park” anni ’90, ma va detto che la commercializzazione dei dinosauri, il loro sfruttamento, rappresenta un epilogo verosimile per il mondo attuale, incapace di risolvere con la diplomazia i conflitti -non a caso alcune specie vengono addestrate appositamente per essere usate sui campi di battaglia- o di far fronte alla crisi climatica: cosa ne sarebbe, dunque, dei dinosauri, se dovessero trovarsi a convivere con gli esseri umani nel 2022?

Contatti

Address

Via Andrea Costa 7, Milano, 20131 Milano IT

Phone

Phone: +39 02.2610052

Email

redazione@marketingjournal.it