Kalulu: il nuovo social network dedicato al cibo locale

Dic 19th, 2019 | Di Redazione | Categoria: Social Media


Tanti social network, tante piattaforme dedicate al food. C’è l’imbarazzo della scelta di cosa e dove ordinare, stando tranquillamente seduti a casa o in ufficio. Ma c’è una novità: ora puoi ordinare anche direttamente dal produttore locale e andare (in questo caso) a ritirare personalmente ciò di cui avevi bisogno. Hai mai sentito parlare di Kalulu?

Cibo e tecnologia: cosa ne pensi di questo binomio? Possibile e fattibile, oppure sono due cose appartenenti a mondi opposti che non potranno mai andare a braccetto? Secondo me sono due aspetti che sempre più si stanno intrecciando e adattando l’uno all’altra. Se ti dicessi che ho anche qualche prova?

Il gusto di mangiare

Negli ultimi anni si sente molto parlare di cibo e di alimentazione, in particolare di “dieta sana ed equilibrata”. Per non parlare dei mille dibattiti sui temi riguardanti gli alimenti giusti o sbagliati, l’essere vegetariano o vegano… e tanti altri discorsi collegati a questa sfera.

Pochi anni fa “mangiare fuori casa” era un evento raro che la maggior parte delle persone si concedevano solo per le grandi occasioni o per festeggiare qualcosa di importante. Oggi invece, grazie all’apertura di numerosi locali che offrono qualsiasi tipo di cibo, l’idea di pranzare o cenare fuori casa è diventata più comune. Ristorante cinese, giapponese, indiano, messicano, brasiliano: ciascuna location è arredata nel modo giusto e curata nei minimi dettagli e nella maggior parte dei casi puoi trovare il menù a prezzo fisso o la soluzione (in particolare nei ristoranti giapponesi) “all you can eat”.

Non solo ormai il mangiare fuori è diventata una moda, anche l’ordine online del pranzo o della cena sta spopolando. Tutto iniziò tra i giovani, ed oggi, grazie alla tecnologia e alla presenza degli smartphone con le loro applicazioni, ordinare il proprio pasto è semplicissimo ed accessibile a tutti con un solo e semplice click.

Tanti modi di ordinare ciò che vuoi mangiare

Sicuramente anche tu avrai almeno una volta ordinato online: torni a casa stanco, hai voglia di qualcosa di diverso dal solito piatto di pasta o dalla classica insalatona. Che fai quindi? Ti siedi davanti al tuo pc ed inizi a guardare i numerosi siti dedicati al “food online”, oppure ne hai già uno preferito e quindi prendi in mano il tuo smartphone, clicchi sull’applicazione e scegli ciò che hai voglia di mangiare.

Just Eat, Pizza Bo, My Menù, Food Racers: questi sono alcuni nomi dei siti interamente creati per soddisfare ogni tuo desiderio (in fatto culinario ovviamente!). Tutti ti offrono menù vasti e completi, dal primo al contorno, per non scordare la pizza, i panini, le piadine e molto altro ancora. Tu scegli, ordini e poi comodamente aspetti a casa o in ufficio il tuo pasto. Semplice no?
Un nuovo social network: Kalulu

C’è anche un’altra realtà in cui cibo e tecnologia sono di nuovo i protagonisti: si chiama Kalulu ed è un social network diverso da Facebook o Instagram. In questa piattaforma non posti foto, non condividi le tue esperienze di vita o i tuoi stati d’animo, bensì il cibo a km zero.

Lo scopo di Kalulu è infatti quello di accorciare la filiera tra produttore e consumatore per offrire quindi un prodotto locale, genuino e ad un prezzo inferiore. Contadino/produttore/impresa agricola e consumatore: questi sono i protagonisti di questo social network.

Il produttore iscritto in questo portale pubblica la sua offerta in base all’alimento che coltiva e che può variare dal pane, all’olio, al vino e ai prodotti di origine animale. Lo scopo è creare dei Gruppi di Acquisto Solidale attorno all’offerta, abbattendo in questo modo i costi di acquisto.

Come funziona? Semplicissimo! Per registrarti basta inserire il tuo CAP e immediatamente scopri tutti i produttori della tua zona con le loro offerte. Cliccando sull’offerta di tuo interesse ricevi tutte le informazioni necessarie: chi è il produttore, cosa fa, cosa coltiva, quanto costa quel prodotto al chilo e quante persone sono interessate alla stessa offerta. Ordini la quantità che desideri e ti viene dato il giorno e l’ora esatta in cui puoi andare a ritirare il tuo pacco.

Le caratteristiche di Kalulu: ordini online, ritiri tu la spesa, cucini tu a casa

È un tipo di social network che si contraddistingue da tutti gli altri pur mantenendo sempre l’aspetto “social”: anche in questo caso si entra a fare parte di una community, che in questo caso è costituita da consumatori amanti del buon cibo locale, prodotto in maniera artigianale e nel rispetto dell’ambiente e dei principi etici.

Due sono gli aspetti che contraddistinguono questa piattaforma dalle altre nominate prima e la rendono quindi diversa dagli altri social:

non si aspetta la “pappa pronta” a casa, ma ci si muove e si va a conoscere personalmente il contadino o il produttore o il proprietario dell’azienda agricola che coltiva il cibo che hai ordinato online;
il cibo che hai scelto questa volta non è già pronto, come accade ordinando nelle altre piattaforme, ma sarai tu a doverlo cucinare a tuo piacimento!

In un anno Kalulu vanta 30.000 utenti e 200 produttori ed è attualmente attivo in tre regioni Italiane (Lombardia, Toscana e Lazio) ma ci si aspetta che cresca ancora. Ti invito ad andare a vedere il sito internet, ben strutturato, facile da navigare. Kalulu è presente su Facebook, Google+ e Twitter e all’interno del sito web ti dà anche la possibilità di compilare un brevissimo format per condividere lo stesso social con amici o conoscenti. Non sei curioso di provare?

Che tipo di consumatore sei tu? Più da “mi ordino la pizza e me la faccio portare” o “stasera preparerò un’ottima cenetta”? Il giusto equilibrio è saper dosare le due sfumature, a volte è meglio uno, a volte l’altra. Sei d’accordo?

Related posts:

  1. Il co-founder di Wikipedia ha lanciato Wt:social, un social network sulle notizie
  2. Tezenis presenta il nuovo spot dedicato al Natale 2020 sui passi di un balletto alla tiktok,
  3. Lego Life, il social network in stile Instagram per i bambini
  4. I social network nascondono i like: cosa cambierà per aziende e influencer?