L’etica nel marketing: una semplice chimera?

Set 14th, 2020 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Marketing


Hai mai sentito parlare del detto “tutto è lecito in guerra e in amore?”. Se provassimo a estendere il suo significato o a rielaborarlo in questo modo: “tutto è lecito in guerra e nel marketing”, scopriremo con sorpresa di aver detto qualcosa di profondamente illuminante.

Da tempi immemori il marketing è un ramo dell’economia che si occupa di analizzare il mercato e i rapporti tra imprese e consumatori. Come tale, la disciplina si propone di studiare il metodo migliore per ottenere il massimo profitto dalla vendita di prodotti o servizi in un dato mercato.
Come funziona il marketing, in sintesi?

Il metodo è semplice. Si tratta di pianificare politiche di prodotto, di prezzo, di distibuzione e comunicazione a partire dall’analisi di mercato, studiando e comparando i bisogni dei consumatori.

In altre parole, il marketing funziona secondo due principi chiave

– Definizione del target: compratori potenziali

– Scelta degli strumenti attraverso i quali raggiungere il mercato in cui inserirsi
Si può smettere di fare marketing?

Questa è una domanda chiave. Esiste un limite a simili strategie? Fino a che punto possiamo dire che convenga continuare? Quando bisogna smettere? Secondo i teorici delle pubblicità e gli studiosi di comunicazione, il marketing non ha un inizio e non ha una fine. Si tratta altresì di un flusso continuo di azioni.

Il dogma che lo caratterizza è riassumibile nella seguente frase: “Ciò che vale oggi non è detto che valga domani”.

Ecco perché brand e imprese non possono smettere di comunicare con i consumatori. Il rischio di venire dimenticati o passare in secondo piano è sempre elevato. La competizione è feroce e le possibilità di emergere sono sempre più rare.
L’etica nel marketing: una semplice chimera?

Abbiamo introdotto l’articolo con il detto “tutto è lecito in guerra e in amore”. La frase in questione che altro è se non uno slogan d’impatto che può essere sfruttato per aumentare le conversioni tanto in campo militare quanto a San Valentino?

Brand e imprese non fanno altro tutto il giorno, 24/7. I Big Players di qualunque settore si dotano di frasi a effetto e strategie promozionali calate nel quotidiano per arrivare al cuore dei consumatori e attrarli a sé.

Quanto è etico tutto questo?

Il marketing deve dotarsi di principi morali, di un’etica forte e robusta dalla quale sia impossibile prescindere. Le imprese, al giorno d’oggi, non possono fare a meno di operare secondo i dettami di un codice di condotta composto da linee guida precise.

Riassumendole, potremmo dire che le aziende devono tenere conto di:

– tutela delle relazioni con la distribuzione
– standard di promozione
– cura del customer care
– prezzi responsabili

Questi sono solo alcuni dei principi cui orientare le proprie strategie online.
Che cos’è il marketing sleale

Il marketing sleale è un insieme di strategie volte a procurare all’impresa un vantaggio competitivo sul mercato. Si tratta di un metodo illecito per ottenere successo, ed è composto da due tronconi principali: marketing ingannevole e marketing denigratorio.

– Il marketing ingannevole, lo dice il nome, ha come obiettivo quello di ingannare il consumatore finale.

– Il marketing denigratorio mira invece a colpire le aziende concorrenti incrinandone la reputation.

Falsificare il logo, la nomea del brand, la descrizione del prodotto, mentire sulla quantità di merce in magazzino, bleffare sul prezzo e la disponibilità sul mercato. Ogni giorno migliaia di imprese sono coinvolte in una simile strategia. Massimizzare il profitto, in questo senso, equivale a un’azione amorale perseguibile penalmente.

I tempi stanno cambiando. La digital transformation sta investendo tutti gli approcci di business finora considerati all’avanguardia. A emergere non sarà più chi proporrà la soluzione di marketing più furba, ma chi avrà qualcosa di qualità da proporre. Verrà fuori la cultura del marketing sostenibile e responsabile, incentrato sui bisogni effettivi dei consumatori e impegnato a promuovere valore.

via https://www.jusan.it/it/ecommerce-day/letica-nel-marketing-una-semplice-chimera/

Related posts:

  1. La nuova comunicazione “responsabile” del brand fra etica e relazione
  2. Lean Marketing, un modello di marketing del domani
  3. Dal Marketing al Societing, nuovo approccio al marketing della società postmoderna
  4. Processo al marketing, o meglio a chi ne fa un uso “corsaro”