La Comunicazione del Food & Beverage (22) grazie a Giorgio Vizioli

Visita agli impianti produttivi: un’opportunità da gestire con attenzione

La visita agli impianti produttivi dei prodotti agroalimentari e vitivinicoli costituisce sempre un momento importante nell’ambito delle attività di comunicazione, sia quando esse siano rivolte a giornalisti e comunicatori, sia quando siano dedicate ai vari segmenti del trade o a potenziali clienti.

Per organizzare visite che risultino efficaci, occorre tenere presenti diversi accorgimenti e non trascurare alcuni dettagli, che possono sembrare secondari e che invece sono importanti.

Primo: la visita costituisce una occasione spesso irripetibile per stare a stretto contatto con i nostri interlocutori per un tempo prolungato.

Dobbiamo giocare bene le nostre carte per fare in modo che, nel corso della loro permanenza presso di noi (sia per una visita in giornata sia se nel caso il cui la permanenza sia prolungata) i nostri ospiti ricevano e acquisiscano tutte le informazioni necessarie al consolidamento (o alla creazione) del rapporto professionale. 

Quindi non sprechiamo energie in dettagli superflui e non perdiamo la concentrazione: bisogna “stare sempre sul pezzo”!

Secondo: anche se questa osservazione può sembrare in controtendenza con quella precedente, non dobbiamo stressare eccessivamente il nostro ospite.

In primo luogo dal punto di vista della quantità, della qualità e delle complessità delle informazioni professionali, che finirebbero per creare una sorta di rigetto; in secondo luogo sotto il profilo dell’intensità della visita: a tratti occorrerà allentare – sapientemente – un po’ la presa, per dargli tempo di riflettere, fare il punto, prendere respiro (o magari di fare qualche telefonata di lavoro: oggi siamo sempre tutti collegati con tutti ed difficile rendersi irreperibili per più di qualche ora).

La visita deve quindi essere sempre preparata nei dettagli, trovando la giusta misura per ogni cosa: le riunioni, gli assaggi, la visita agli impianti produttivi o alle coltivazioni o agli allevamenti.

Tutto deve essere perfettamente in ordine, gli addetti devono essere preavvertiti dell’evento e devono mostrarsi educati e cordiali con i visitatori.

Non improvvisiamo: investiamo qualche ora – eventualmente con un consulente – per definire un programma che risulti gradevole e razionale, ma soprattutto che sia efficace per quanto riguarda gli obiettivi professionali, nostri e del nostro interlocutore.

Giorgio Vizioli
Comunicatore e Giornalista, dal 1990 titolare dell’Agenzia Studio Giorgio Vizioli & Associati di Milano (www.studiovizioli.it), ha ricevuto il Premio “Ufficio Stampa di Eccellenza 2019” del GUS (Giornalisti Uffici Stampa) Lombardia
Membro del Comitato Direttivo del www.ClubMC.it
giorgio.vizioli@studiovizioli.it

Contatti

Address

Via Andrea Costa 7, Milano, 20131 Milano IT

Phone

Phone: +39 02.2610052

Email

redazione@marketingjournal.it