La comunicazione interna - Relazioni Pubbliche in pillole a cura di Giorgio Vizioli

Feb 27th, 2021 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Comunicazione


Tra i vari compiti del professionista di relazioni pubbliche vi è anche quello di gestire la comunicazione interna all’organizzazione per la quale lavora.

Si tratta di messaggi e comunicazioni che promanano dall’apice dell’azienda e che hanno molteplici finalità: mantenere vivo e attivo il rapporto tra top management e corpo dell’organizzazione, creare una cultura comune e un senso di appartenenza, condividere obiettivi, successi e risultati, illustrare le strategie e le motivazioni delle scelte, informare il personale in modo che possa essere un efficace ambasciatore dei messaggi aziendali, anche nei confronti della comunità locale. E questi sono solo alcuni degli scopi di questa attività.

Senza dimenticare che il pubblico interno, ossia il personale dell’azienda, è anche pubblico esterno, ossia è destinatario delle campagne di relazioni pubbliche, pubblicità e marketing, ossia della comunicazione esterna in senso lato, e valuta la propria organizzazione anche in base a questi messaggi a lui non specificamente destinati. Anzi: conoscendo l’azienda dall’interno, li valuta in modo ancora più approfondito e consapevole.

Per quanto riguarda gli strumenti della comunicazione interna, l’avvento delle moderne tecnologie ha ampliato la gamma degli strumenti ai quali fare ricorso di volta in volta, in funzione del messaggio che si desideri diffondere.

L’uso di un intranet, ossia un circuito di posta elettronica aziendale, l’invio per email di circolari interne o di newsletter periodiche e la presenza sui social network si sono infatti sistematicamente ed efficacemente affiancati alla diffusione di house organ stampato per dipendenti e collaboratori, alle riunioni più o meno plenarie, alle attività di team building.

E anche le sessioni formative, che sono anch’esse un veicolo di comunicazione interna (oltre naturalmente al trasferimento di know how e al potenziamento delle skills professionali) hanno tratto vantaggio dalle opzioni offerte dalla digitalizzazione.

Il comunicatore deve quindi essere in grado di trovare le soluzioni che possano essere le più efficaci per la propria azienda, mettendo bene fuoco il messaggio da fare passare e successivamente individuando lo strumento più adatto e soprattutto il suo adattamento al contesto. E tutto questo è possibile solo in presenza di una strategia aziendale chiara e condivisa.

Giorgio Vizioli
Comunicatore e Giornalista, dal 1990 titolare dell’Agenzia Studio Giorgio Vizioli & Associati di Milano (www.studiovizioli.it), ha ricevuto il Premio “Ufficio Stampa di Eccellenza 2019” del GUS (Giornalisti Uffici Stampa) Lombardia
Membro del Comitato Direttivo del ClubMC
giorgio.vizioli@studiovizioli.it
www.studiovizioli.it

Related posts:

  1. Gli obiettivi della comunicazione - Relazioni Pubbliche in pillole a cura di Giorgio Vizioli
  2. Un bel tacer non fu mai scritto! - Relazioni Pubbliche in pillole a cura di Giorgio Vizioli
  3. A chi vogliamo parlare? - Relazioni Pubbliche in pillole a cura di Giorgio Vizioli
  4. La sponsorizzazione: uno strumento efficace in un’equilibrata strategia di comunicazione - Relazioni Pubbliche in pillole a cura di Giorgio Vizioli