La fenomenologia di Kaitlyn Amouranth Siragusa

Colei che letteralmente lecca i microfoni live, Kaitlyn Amouranth Siragusa, la streamer più vista al mondo, detratte le tasse ha guadagnato oltre 27 milioni di dollari nell’ultimo anno. Amouranth ha “svelato” i suoi guadagni mensili derivati da OnlyFans, piattaforma di grande successo planetario che permette a chiunque di mostrarsi previo pagamento di un abbonamento.
Ma questo è solo UNO dei canali che presidia con successo IMMENSO. 

  • 846mila follower Youtube
  • 5,5 milioni su Twitch
  • 2,5 milioni su Twitter e così via

Avete presente la famosa ricerca del World Business Forum che dice che il 65% degli studenti di oggi farà un lavoro che oggi non esiste? Ecco, questo è l’esempio più cristallino.
Ora, mi permetto una riflessione sulla questione.

1- Su Twitch lecca dei microfoni, letteralmente, per ore (quello con orecchie che vedete in foto).
C’è chi pensa “io non lo farei mai, è immorale” e come ragionamento ci sta, ma la moralità è diversa per ognuno di noi e quando si fa qualcosa che è legale e del tutto consenziente, non c’è nulla di male.

2- Molti potrebbero pensare che “prende troppi soldi, non è giusto” ma in realtà non esiste nulla di più meritocratico di questo. La gente LA PAGA per vedere qualcosa.
Può piacere, non piacere o essere considerato poco etico ma è così. Non ha connivenze nepotistiche, non ha agganci o “bazze”. Guadagna perché glieli danno.

3- Glieli danno perché esiste un mercato.
Ogni volta che vediamo questi fenomeni pensiamo che siano al limite della decenza ma quello a cui non pensiamo sono i quasi 10 milioni di persone che la seguono. Sono gli stessi che dicono che è indecente?
Se si, considerano indecente solo il fare e non il guardare?

4- Conta più l’immagine della sostanza.
Forse, ma è SEMPRE stato così, solo che non avevamo i mezzi per “certificarlo”. Non siamo peggiorati, stiamo solo capendo quello che siamo DAVVERO.

Contatti

Address

Via Andrea Costa 7, Milano, 20131 Milano IT

Phone

Phone: +39 02.2610052

Email

redazione@marketingjournal.it