La festa per bruciare libri della Troy Library nel Michigan

Mar 17th, 2021 | Di Redazione | Categoria: Unconvetional Marketing

Questo esempio di guerrilla marketing combina strategie di guerrilla marketing offline e online.

È stato davvero ingegnoso.

Quando la città di Troy, nel Michigan, ha effettuato alcuni importanti tagli alla spesa pubblica, la biblioteca pubblica di Troy era destinata a chiudere.

Tuttavia, quando agli abitanti di Troy fu chiesto se sarebbero stati disposti a pagare per la loro biblioteca, la risposta fu un “sì” schiacciante. Infatti, il 72% dei residenti di Troy voleva mantenere il livello di fondi della biblioteca – o addirittura aumentarlo!

D’altra parte, solo il 20% voleva che il suo finanziamento fosse in qualche modo ridotto.

Allora perché stavano comunque chiudendo la Troy Library? Ebbene, tutto è stato a causa di un’organizzazione che contestava qualsiasi proposta pubblica che prevedeva un aumento delle tasse, indipendentemente dallo scopo.

Poi, le cose si sono fatte interessanti.

Appena settimane prima della chiusura della biblioteca, il consiglio comunale ha deciso di lasciare che i residenti votassero un’ultima volta. La nuova proposta prevedeva un aumento delle tasse dello 0,7%, sufficiente a finanziare la biblioteca per cinque anni.

Ed è qui che c’è stata la campagna di guerriglia marketing.

Un nuovo gruppo chiamato Safeguarding American Families si è unito all’opposizione durante i dibattiti. Questo nuovo gruppo voleva che il risultato del referendum perdesse, in modo da poter organizzare una festa per bruciare i libri una volta chiusa la biblioteca.

Safeguarding American Families ha persino esposto cartelli in giro per la città che dicevano: “Votate per chiudere la biblioteca di Troy il 2 agosto / Festa per bruciare i libri il 5 agosto”.

Hanno aperto una pagina Facebook e un profilo Twitter e hanno fatto una campagna sfrenata: “Ci sono 200.000 ragioni per chiudere la Troy Library. Si chiamano libri. #BookBurningParty”.

Come potete immaginare, molti si sono arrabbiati e indignati per questa campagna.

Le persone hanno lasciato commenti sui social media del tipo: “Voi siete malati”, oppure ” Tutto questo è disgustoso”. E gli elettori, i notiziari e i leader locali hanno ovviamente notato il trambusto.
Infine, la grande rivelazione.

Poco prima delle elezioni, Safeguarding American Families ha svelato il suo vero messaggio: “Un voto contro la biblioteca è come un voto per bruciare libri”.

La campagna è sempre stata uno stratagemma.

Safeguarding American Families è un gruppo creato dall’agenzia di guerrilla marketing Leo Burnett. Erano stati assunti per creare una campagna di guerriglia marketing che avrebbe convinto gli elettori a salvare la biblioteca.

Questa campagna di guerriglia marketing ha spostato la conversazione dall’aumento delle tasse al salvataggio della biblioteca.

Il risultato?

La proposta è passata con il 58 per cento del voto e la biblioteca è stata salvata.

Cosa puoi imparare da questa campagna di guerrilla marketing:

Sfrutta la psicologia inversa e gioca a fare l’avvocato del diavolo per creare un’intensa reazione emotiva.

Related posts:

  1. Weapon of mass instructions: il carro armato che distribuisce libri
  2. Guerrilla Marketing da non fare: il disastro della campagna di Vodafone
  3. I consumi culturali degli ultimi mesi: crescono tv, libri e musica
  4. Guerrilla Advertising da non fare: il disastro della campagna di Vodafone