La finta leggenda attira persone a Testaccio, e a Roma è guerrilla marketing

Feb 20th, 2020 | Di Redazione | Categoria: Marketing In Progress


A Roma la realtà è meglio della finzione

Si narra che l’acqua della fontana di piazza Testaccio conservi ancora le proprietà nutrienti dell’olio che veniva commerciato nell’antico porto di Testaccio e usato per l’igiene personale e la cura dalle matrone patrizie” così recita la finta leggenda scritta da 4 studenti dello IED Istituto Europeo di Design, con il fine di promuovere una città diversa rispetto le più conosciute attrazione turistiche che da sole stanno creando un turismo mordi e fuggi.

La campagna di guerrilla marketing è stata lanciata tramite un evento Facebook dove si invitava a partecipare ad una visita di Testaccio con conclusione alla Fontana ed alla sua leggenda con in regalo delle bottigliette di vetro per portare via la preziosa acqua. Ma l’evento tenutosi il pomeriggio del 6 Febbraio si è rivelato qualcosa di diverso.

Dopo la conclusione della visita i quattro ragazzi hanno svelato che la leggenda della fontana era del tutto inventata spingendo a riflettere sul fatto che la parte più interessante fosse proprio la storia di Testaccio e del monte dei cocci, contestualmente hanno invitato i partecipanti a scoprire altre nove storie, stavolta vere, di luoghi nascosti. Questi luoghi verranno proposti per chi interessato sul profilo Instagram True.Rome, perché nella città eterna in fin dei conti la storia è meglio di una leggenda inventata.

Related posts:

  1. “La tua auto è su Pornhub”, il guerrilla marketing contro i parcheggi selvaggi a Roma
  2. Tra le più suggestive ed efficaci azioni di Guerrilla Marketing nel mondo
  3. Guerrilla marketing per la promozione del Distretto urbano del commercio parte da un’azione di Trani
  4. #mimestreeti, la nuova campagna di guerrNasce #mimestreeti, la nuova campagna di guerrilla marketing sulla “mestrinità”“