La scelta dell’hosting per il sito. Seo step by step a cura di Libero Fusi

Lug 9th, 2020 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Marketing


Avere un dominio non è sufficiente: serve anche lo spazio su cui caricare il sito.
Normalmente è possibile (e consigliato) acquisire lo spazio di hosting insieme all’acquisto del dominio.

Anche se i vari servizi di hosting sembrano tutti uguali con differenze esclusivamente in termini di prezzo, nella realtà ci sono grandissime differenze che poi impattano sul SEO.
La scelta dell’hosting può essere basata su questi elementi:
● Tipo di applicativo che implica la necessità di risorse e librerie a disposizione
● Garanzie di uptime
● Pannello di controllo dell’hosting: è normalmente consigliato acquistare hosting
che offrono cPanel oppure Plesk come ambienti di amministrazione delle risorse : sono sicuri, semplici da usare e hanno tutte le funzioni di cui potresti aver bisogno, come cronjob, antivirus, backup automatici e molto altro.
● Hardware dedicato: spazio disco e banda a disposizione.
● Banda: in funzione del traffico web, dal peso dei files che gli utenti potranno scaricare durante la navigazione.
● Certificato SSL/TLS: molti hosting includono il certificato SSL gratuito di Let’s Encrypt per usare il sito con maggiore sicurezza, grazie al protocollo HTTPS, invece del classico HTTP.
● Backup automatici: Il backup periodico è una copia di sicurezza di tutti i files,
del database e delle impostazioni del sito.

Non tutti gli hosting sono uguali. Generalmente possiamo fare tre distinzioni:

Hosting Condiviso: è la scelta ideale per iniziare un nuovo progetto. L’hosting
condiviso è semplicemente un server utilizzato da decine di clienti diversi. Il
grande vantaggio è sicuramente il risparmio.
Lo svantaggio è che il sito ne risentirà in termini di minori risorse a disposizione per far navigare gli utenti.
VPS o Virtual private server: è la scelta ideale per siti con traffico.
Si tratta di una virtual machine (ambiente operativo virtuale) montata su un server dedicato. Con questa configurazione non ci saranno decine o centinaia
di clienti ad usare il medesimo server, ma poche unità. Si hanno risorse dedicate, come la RAM o la CPU, che nessun altro ospite potrà occupare nei momenti di picco.

Server dedicato: è la scelta ideale per siti professionali con traffico.
Il grande vantaggio è la possibilità di avere un IP dedicato. Un server tutto per te, senza doverlo condividere con nessun altro.

Si potranno gestire carichi di traffico enormi e offrire grande velocità di navigazione
Oltre a una configurazione customizzata di firewall e risorse, con un server dedicato
si ha la massima libertà su tutto e, con qualche competenza di Linux, si possono fare
davvero grandi cose, soprattutto dal punto di vista della sicurezza informatica.

La velocità di risposta di un sito, parametro collegato alla usabilità stessa del sito, è un fattore molto importante per il posizionamento SEO nelle SERP.

Uno dei motivi principali per cui è meglio utilizzare server dedicati è la possibilità di avere uno o più indirizzi IP dedicati.

Quando si lavora su hosting condivisi, uno stesso indirizzo IP è assegnato a più clienti e ciascuno cliente può avere decine di siti.

Può capitare che un sito abbia lo stesso IP di altri 50 siti o si trovi nella medesima C class (ad esempio, l’IP 5.45.78.2 ha la stessa C class 78 di 5.45.78.18).

Spesso gli hosting, per risparmiare sui costi infrastrutturali, decidono di ospitare
centinaia di clienti nel medesimo blocco di classe C (detto IP neighborhood o
IP di prossimità), avendo anche 10.000 siti su indirizzi IP estremamente vicini.

Ma cosa succede se uno di questi 50 o 10.000 siti è un portale di SPAM, contiene
contenuti illegali o fa qualcosa di male?

Questo è sicuramente un problema in ambito SEO, soprattutto pensando in termini di autorità, trust e rilevanza.

L’alternativa è controllare l’IP all’interno delle cosiddette blacklists per assicurarsi
che sia un IP pulito.

Per informazioni o dettagli contattami:
Libero Norberto Fusi
libero.fusi@4tmarketing.com
Cell: 347 3217653

Related posts:

  1. La scelta del dominio e seo. SEO step by step a cura di Libero Fusi
  2. I domini scaduti. Quando, come e perchè. Seo step by step a cura di Libero Fusi
  3. I criteri fondamentali di Google. Seo step by step a cura di Libero Fusi
  4. Breve storia dei motori di ricerca - SEO step by step a cura di Libero Fusi