La smentita - Pillole di Ufficio Stampa a cura di Giorgio Vizioli

Giu 7th, 2020 | Di Redazione | Categoria: Comunicazione, Editoriale


La smentita è uno dei terreni più insidiosi sui quali si può trovare a camminare un addetto stampa. Perché la decisione di contestare, rivedere o ritrarre una notizia già pubblicata è comunque rischiosa: i pro e i contro sono disomogenei tra la loro e si ha spesso la sensazione che “come si fa si sbaglia”.

Peraltro, se una testata pubblica una notizia sbagliata su di noi, oppure addirittura falsa e tendenziosa, sicuramente non si può lasciare correre la cosa senza reagire. E’ necessario confutare.

E, se l’informazione è effettivamente erronea o non rispondente a verità, il giornale ha il dovere di pubblicare la correzione.

Solo che, quasi sempre, il giornalista colto in errore, replica a sua volta alla nostra correzione o smentita con un paio di righe in corsivo, attribuendosi in altri termini il diritto di avere l’ultima parola.

Spesso questa chiosa finale è un’arrampicata sugli specchi, ma in qualche modo mette ulteriormente un dubbio alla buona fede di chi ha richiesto la smentita.

Un altro motivo per il quale prima di richiedere una smentita occorre pensarci due o tre volte è che, come si suol dire, “una smentita è una notizia data due volte”: infatti si torna a parlare di una informazione, rafforzandone la visibilità e suscitando anzi nel lettore una curiosità ulteriore.

Tuttavia, vi sono casi in cui la smentita è doverosa. Per esempio, se l’informazione a nostro danno abbia elementi penalmente rilevanti, o comunque gravemente lesivi della nostra reputazione.

In quel caso la smentita deve essere necessariamente richiesta perché un atteggiamento diverso sarebbe considerato acquiescente e il nostro comportamento essere utilizzato come un’ammissione che le cose stanno effettivamente come ha scritto la testata.

Giorgio Vizioli. Giornalista e comunicatore, dal 1990 titolare dell’Agenzia Studio Giorgio Vizioli & Associati di Milano (www.studiovizioli.it), ha ricevuto il Premio “Ufficio Stampa di Eccellenza 2019” del GUS (Giornalisti Uffici Stampa) Lombardia
Membro del Comitato Direttivo del ClubMC
giorgio.vizioli@studiovizioli.it
www.studiovizioli.it

Related posts:

  1. L’efficacia, la trasparenza, l’autorevolezza e maggior visibilità della comunicazione attraverso l’ufficio stampa - Pillole di ufficio stampa a cura di Giorgio Vizioli
  2. La presenza dell’addetto stampa - pillole di Ufficio Stampa a cura di Giorgio Vizioli
  3. Le relatività delle notizie.Pillole di Ufficio Stampa a cura di Giorgio Vizioli
  4. La telefonata di appoggio - Pillole di Ufficio Stampa a cura di Giorgio Vizioli