La t-shirt che ti rende invisibile al riconoscimento facciale

Nov 28th, 2019 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Prodotti Innovativi


Le intelligenze artificiali sempre più smart, le videocamere di sorveglianza sempre più definite e diffuse e i big data sempre più famelici: il riconoscimento facciale é il mezzo che per eccellenza unisce tutti questi tentacoli del big brother che ci monitora costantemente.

Tutti i grandi paesi si stanno attrezzando per avere in tempo reale la situazione sotto controllo, ma spesso questi validi strumenti per la sicurezza possono anche essere sfruttati meramente a scopo pubblicitario e promozionale.

La soluzione c’è: un sistema che manda il riconoscimento facciale in tilt. Un team di ricercatori della Northeastern University, Ibm e del Mit di Boston hanno infatti sviluppato uno speciale pattern da applicare a un tessuto – come può essere quello di una t-shirt – per andare a ingannare e confondere l’algoritmo deputato al riconoscimento dei tratti distintivi del viso. Il risultato sarà quello, a tutti gli effetti, di diventare invisibili. Senza volto.

Questi sistemi funzionano in modo molto efficiente perché sfruttano proprio il modo in cui gli algoritmi rilevano i volti, cercando particolari che consentono di ricostruirli partendo da elementi prestabiliti. Per farlo, il disegno aggiunge sostanzialmente linee di disturbo che possono creare caos nel rilevamento – che dunque non funziona, oppure funziona male. Nel 2017, per esempio, si era ingannato un algoritmo che vide un’arma al posto di una tartaruga.

Risultati tanto stupefacenti quanto, però, inquietanti. Ma è innegabile che gli strumenti di riconoscimento facciale a scopo pubblicitario (che nella teoria mostrano contenuti promozionali basati sulle preferenze della persona riconosciuta) sono meno efficienti di quelli governativi e degli organi di sicurezza.

La t-shirt per ora è soltanto un prototipo, ma non è difficile immaginare che sarà prodotta (o resa stampabile da casa) per davvero se le pubblicità basate sul riconoscimento facciale iniziassero a diffondersi capillarmente. D’altra parte sarebbe un sistema di camuffamento molto più discreto e accettabile di quelli fai-da-te visti finora, come i tattoo facciali provvisori.

Related posts:

  1. Sorridere ti rende più affidabile e attraente
  2. Il Marketing della Pazzia: come la psichiatria rende il mondo schiavo delle droghe
  3. Come l’outdoor migliora le città e le rende sempre più smart
  4. La pizza è il piatto che rende più felici le persone in assoluto. Quasi un italiano su due la preferisce