L’ambush marketing di Huawei al lancio dei nuovi iPhone

Dic 7th, 2018 | Di Altri | Categoria: Unconvetional Marketing


Come ogni anno, le code di acquirenti per il lancio dei nuovi IPhone fuori dagli Apple Store attirano molto l’attenzione grazie agli hype a mille e sono oggetto di servizi televisivi e discussioni sul web; quindi qualcuno ha avuto un’idea: perchè non sfruttare la risonanza dell’evento per farsi un po’ di pubblicità?

L’intuizione è venuta a Huawei che, dopo aver preso in giro Apple dopo la presentazione dei nuovi iPhone, ha ben pensato di rincarare la dose con una strategia di Ambush e Guerrilla Marketing.

L’idea di Huawei

Il Guerrilla Marketing è una strategia pubblicitaria a basso costo che punta a stimolare l’attenzione degli utenti in modo non convenzionale. Vi serve un esempio per capire meglio? Basta vedere ciò che ha fatto Huawei.

In sostanza alcuni dipendenti – che indossavano una maglietta dell’azienda – hanno distribuito delle power bank a tutte le persone in fila per acquistare il nuovo iPhone fuori dallo Store di Singapore. Ma non è tutto: il packaging, sicuramente studiato apposta per questa campagna, presentava una scritta che diceva “Here’s a power bank. You’ll need it. Courtesy of Huawei”, cioè “Ecco una power bank. Ti servirà. Cortesia di Huawei”, con “You’ll need it” scritto molto più in grande rispetto al resto dello slogan.

Si trattava per altro di power bank abbastanza costose – circa 50€ di listino – dotate di tecnologia SuperCharge, per provare che l’azienda ci tiene a fare le cose fatte bene.
Una buona operazione di marketing

Huawei ha sicuramente fatto un’ottima operazione a livello di marketing, sotto diversi punti di vista.

In primis nel pubblicizzare un prodotto: pubblicizzare una power bank non è facile, dal momento che il mercato ne è pieno. In questo modo, invece, è riuscita a far notare a moltissime persone il proprio dispositivo; il tutto a un costo praticamente nullo.

In secondo luogo ha attirato su di sè le simpatie di moltissime persone. Regalare delle power bank a qualcuno che si appresta a spendere più di 1000 euro per un prodotto della concorrenza fa sorridere, a maggior ragione se lo si fa sottolineando la scarsa durata della batteria dello smartphone in questione. Gli hater della mela sicuramente hanno apprezzato questa iniziativa, e magari la citeranno in qualche discussione nei prossimi giorni. Sembra una cosa banale? Forse, ma ci sono aziende che spendono milioni per far parlare di sè per qualche giorno, e spesso senza riuscirci.

Sicuramente i fan di Apple non saranno contenti, ma l’iniziativa non era certo rivolta a loro.
Huawei puntava infatti ad attirare l’attenzione degli utenti – attuali e potenziali – Android, cioè il proprio target.

Questa campagna farà impennare le vendite di Huawei? Probabilmente no, o almeno non da sola. L’aver fatto parlare di sè però – soprattutto in contrapposizione a Apple – farà risaltare maggiormente la presentazione dei nuovi Huawei Mate 20 e Mate 20 Pro.

Se i due smartphone dovessero essere innovativi come promesso, probabilmente tutta l’iniziativa potrebbe portare dei benefici anche in termini di profitto. Se così non dovesse essere, comunque, sarebbe stata comunque pubblicità a costo zero. E non è poco, soprattutto in un settore come quello degli smartphone.

Related posts:

  1. Prink e Epson insieme per darti la carica
  2. Huawei Magic Cube ONT riceve l’iF Product Design Award
  3. Walter Ji è il nuovo Presidente Consumer Business Group di Huawei per l’Europa Occidentale
  4. Ambush marketing per K-Swiss durante Roland Garros