Le griffe vanno di Uau! Communication illuminando le strade milanesi per il Natale

Dic 19th, 2019 | Di Redazione | Categoria: UAU Communication


Non è tutto oro quello che luccica, ma, in quanto a stile, le decorazioni natalizie di quest’anno vantano collaborazioni preziose. Passeggiando da piazza San Babila verso Piazza Oberdan è possibile ammirare le luminarie firmate Dolce & Gabbana, i cui colori e forme rispecchiano perfettamente l’estetica siciliana che da sempre contraddistingue il brand italiano.

Oltre alla moda anche il segmento beauty si è dato da fare per far brillare alcune strade del centro, e non solo. Per la prima volta Dior ha dato una connotazione inedita alle luminarie che si susseguono per oltre un chilometro da piazza San Babila a corso Vittorio Emanuele, proseguendo per via Mercanti, via Dante e Largo Cairoli. La maison francese ha inoltre allestito il Dior Christmas Store in Piazza San Babila, aperto fino al 24 dicembre.

Al suo interno è possibile immergersi nel mondo beauty della maison con attività esclusive. È inoltre possibile acquistare l’edizione limitata di alcuni prodotti personalizzati con un design creato appositamente per questo evento e ricevere una boule natalizia decorata a mano da alcuni tra i giovani più creativi della celebre Accademia di Brera. Una borsa di studio verrà assegnata ai due creativi che realizzeranno le migliori decorazioni.

C’è invece chi ha scelto di focalizzarci su quartieri più distanti dal centro. Nivea, marchio del Gruppo Beiersdorf, ha deciso di offrire il suo sostegno e contribuire per la prima volta all’accensione delle luminarie di viale Monza, nella periferia nord della città. Realizzato con il supporto del Comune di Milano, Confcommercio Milano e Associazione di Viale Monza, il piano comprende 65 arcate di luce, una ogni 50 metri, e 2 scritte di messaggi di auguri da Piazzale Loreto a Villa San Giovanni per quasi 3.200 metri di passaggio.

Related posts:

  1. Alberi di Natale: i più belli d’Italia
  2. A New York lattine e bottiglie gettate per strada diventano un business per i più poveri e vanno a ruba
  3. Le università milanesi scalano le classifiche, in Italia e nel mondo
  4. Crayola tra uau communication, ambient marketing e guerrilla packaging