Le medaglie riciclate di Tokio, un’operazione lunga 4 anni

Lug 31st, 2021 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Marketing


In queste settimane sui quotidiani tengono banco le notizie sulle Olimpiadi di Tokyo 2020, un palcoscenico ideale per accrescere l’immagine del paese ospitante e comunicare messaggi importanti.

Il Giappone non è stato il primo a pensare di realizzare le 5000 medaglie olimpiche, che verranno assegnate nei prossimi giorni, utilizzando materiali di riciclo, ma è stato quello che lo ha fatto meglio.

I primi a lanciare questa iniziativa ecologica sono stati i canadesi, che alle Olimpiadi invernali di Vancouver 2010 realizzarono le medaglie con metalli parzialmente riciclati.

Come spesso accade l’importanza di un’iniziativa non è nei numeri, perché nel 2010 il materiale riciclato è stato appena l’1,5%, ma è il messaggio che viene veicolato durante un evento main stream.

Già a Rio 2016, infatti, si è arrivati a un 30% e ora Tokyo ha completato l’opera, come solo i giapponesi sanno fare, cioè al meglio delle possibilità.

Fondamentale per il successo dell’iniziativa è stata la campagna lanciata in Giappone nella primavera del 2017, per incentivare la raccolta di smartphone, pc e tablet da riciclare.

Il “Tokyo 2020 Medal Project” ha registrato una massiccia partecipazione, oltre il 90% degli enti territoriali giapponesi hanno aderito all’iniziativa, con il decisivo supporto i NTT Docomo, il principale operatore telefonico nipponico.

I risultati hanno superato le attese, permettendo al Giappone di essere il primo paese organizzatore a realizzare tutte le medaglie interamente con materiali riciclati.

I numeri comunicati sono impressionanti, la campagna “Tokyo 2020 Medal Project” ha raccolto oltre 6 milioni di smartphone e 80.000 tonnellate di rifiuti elettronici.

Dal corretto smaltimento di tutti questi rifiuti, che rischiavano di diventare fonte di inquinamento, è stato possibile ricavare 30 chili d’oro, 3.5 tonnellate d’argento e 2.2 tonnellate di bronzo.

Comunque finiscano i giochi, il Giappone si è già aggiudicato la propria medaglia d’oro (ecologica)

#marketing #comunicazione #tokio2020 #fortunatomonti #marketingjournal

Fortunato Monti
Web & Social Marketer & Content Creator
fortunato.monti@gmail.com

Related posts:

  1. Tokio No Ads: come sarebbero le città moderne senza pubblicità?
  2. Olimpiadi di Tokio al via oggi. Scendono in campo i brand della moda
  3. Le prime bottiglie al mondo riciclate enzimaticamente sviluppate per PepsiCo, Nestlé & Suntory
  4. Ikea ha fatto un party sulla metropolitana di Tokio