L’esempio di Aladdin con Will Smith al semaforo: fare marketing non convenzionale per promuover un film, perché funziona?

Giu 8th, 2019 | Di Redazione | Categoria: Marketing, Promozioni on the road

Come altre iniziative simili, insomma, questo guerrilla marketing per Aladdin ha sfruttato un momento morto e lo ha trasformato in un’occasione di incontro con il brand, potendo contare tra l’altro sull’effetto sorpresa che deve generare di certo l’assistere a una performance con canti, balli ed effetti speciali – all’improvviso, mentre si sta semplicemente aspettando che il semaforo si faccia verde – e, più in generale, e per tornare all’assunto teorico dell’efficacia del marketing non convenzionale, l’essere raggiunti da un messaggio pubblicitario in luoghi e modi inaspettati e mentre meccanismi di difesa e di reattanza sono azzerati.

Non stupiscono, così, le reazioni degli automobilisti del posto: c’è chi è incredulo nel vedere Will Smith che twerka con i fari della propria auto, chi preso dal ritmo comincia a ballare, tanti che come in un tuffo nel passato si ritrovano a cantare le canzoni della propria infanzia e, altrettanto inevitabilmente, qualcuno che si annoia e sbuffa all’idea di dover restare bloccato nel traffico.

Oltre, va da sé, a chi ne approfitta per filmare quello che sta avvenendo e condividerlo. Con la maggior parte delle iniziative di guerrilla e unconventional marketing questa inaspettata performance dal vivo del cast di Aladdin condivide, infatti, la capacità di creare passaparola, fuori e dentro la Rete. Il solo video ufficiale pubblicato sul canale YouTube di The Late Late Show è stato visto quasi sette milioni di volte e ha ricevuto più di 290mila like. E lo stesso si può immaginare sia successo con video e contenuti amatoriali, realizzati e condivisi da chi stava assistendo a questo sui generis spettacolo di Aladdin dal vivo.

Chi sia ancora convinto, del resto, che una produzione milionaria come quella di un film Disney rifatto in live-action non abbia bisogno di operazioni di marketing dal basso non deve aver compreso pienamente il potere che hanno il buzz e la contagiosità e notiziabilità spontanea di un’idea, in grado di attrarre media e pubblico.

Related posts:

  1. Will Smith e la guerrilla per Aladdin
  2. Cinque tendenze che rivoluzioneranno come fare marketing con le fiere
  3. Il segreto del successo di Dead Cells? Merito di un abile “trucco” di marketing non convenzionale con streamer e youtuber senza sganciare un centesimo