L’Italia rallenta, le agenzie di rating vedono la recessione

L’economia italiana, insieme a quella europea, sta rallentando. I segnali già ci sono, anche se nei numeri ufficiali comunicati fino ad ora ancora non si vedono. Le previsioni però sono unanimi: dopo un 2022 ancora di crescita, il 2023 sarà un anno di evidente peggioramento del quadro. Secondo alcuni addirittura di recessione.

A fissare una prima asticella sarà, entro questa settimana, la Nota di aggiornamento al Def, in cui il governo Draghi delinearà il quadro tendenziale a politiche invariate. Secondo quanto emerso finora, dopo la crescita superiore al 3% che si registrerà quest’anno, il prossimo – al netto degli interventi di politica economica che saranno inseriti nella legge di bilancio ancora tutta da costruire – segnerà un Pil compreso tra +0,5% e +1%, probabilmente intorno a +0,7%.

La stima è ottimistica rispetto a quelle in arrivo da altri istituti e osservatori internazionali. I giudizi più severi sono quelli delle agenzie di rating: S&P prevede per l’economia italiana una contrazione dello 0,1% e Fitch, la più pessimista in assoluto, dello 0,7%.

All’opposto l’Ufficio parlamentare di bilancio che ad agosto stimava ancora un roseo +0,9% (che potrebbe però essere rivisto al ribasso a breve, proprio nella validazione della Nadef). A luglio il Fondo monetario aveva tagliato le stime a +0,7%, mentre da pochissimo l’Ocse ha ritoccato il dato anche in questo caso al ribasso portandolo ad un modesto +0,4%.

In Italia Confcommercio parla di recessione ‘mite’ e per il 2023 indica “assenza di crescita”, mentre per Confindustria è il gas la grande variabile che pesa sull’economia, con un impatto negativo sul Pil che oscilla tra il 2,2% e il 3,2% cumulati nel biennio 2022-2023.

Ecco una tabella con le stime sulla crescita del nostro Paese comunicate negli ultimi mesi.

UPB +0,9% (stima di agosto)
FMI +0,7% (stima di luglio)
OCSE +0,4%
CONFCOMMERCIO <0
S&P -0,1%
FITCH -0,7% (ANSA).

Contatti

Address

Via Andrea Costa 7, Milano, 20131 Milano IT

Phone

Phone: +39 02.2610052

Email

redazione@marketingjournal.it