Lo strano caso Rolex, l’offerta stabile fa salire domanda e liste di attesa

Nel 2021 Rolex aveva una quota di mercato del 29% (che sale al 40% negli Stati Uniti) e un fatturato stimato di 8 miliardi di franchi svizzeri

Non sempre brand awareness e leadership di mercato coincidono. Nel caso di Rolex però è così. Il marchio svizzero di orologi è tra i più conosciuti al mondo ed è primo per quota di mercato nell’alta gamma, segmento che di fatto coincide con i segnatempo Swiss made.

Secondo il più recente report di LuxeConsult e Morgan Stanley, nel 2021 Rolex aveva una quota di mercato del 29% (che sale al 40% negli Stati Uniti) e un fatturato stimato di 8 miliardi di franchi svizzeri. Posizione dominante soprattutto considerando che numero due e tre sono Omega e Cartier, ma con quote di mercato vicine, in entrambi i casi, al 7%, cioè un quarto circa di Rolex. È difficile trovare altri settori, nel lusso e non solo, con un simile distacco tra il gradino più alto del podio per quote di mercato e fatturati e gli altri due.

La domanda di Rolex continua a crescere, ma la maison, di fatto, non l’asseconda, in particolare per il segmento più venduto, quello degli orologi in acciaio. Il risultato? Ogni concessionario ufficiale è costretto a mettere ogni aspirante cliente in lista d’attesa (che possono essere anche superiori all’anno) e così scoraggia – effetto collaterale da non sottovalutare – la richiesta di sconti, da sempre tema sensibile nell’alta orologeria, perché può erodere i margini dei punti vendita e delle aziende.

La leadership assoluta di Rolex dura da moltissimi anni e si può spiegare in diversi modi, oltre alla rigidità dell’offerta rispetto alla domanda, che rafforza la desiderabilità.

Da una parte c’è il prezzo medio di un Rolex, che è comunque inferiore a quelli di altre maison dell’orologeria svizzera molto ambite, come Patek Philippe e Vacheron Constantin. I tre marchi sono sempre i più venduti alle aste, che non hanno di fatto conosciuto crisi durante la pandemia, con quotazioni e lotti venduti che hanno superato già nel 2021 i livelli pre covid.

In altre parole tutti e tre i marchi citati sono un buon investimento – come dimostrano le crescenti quotazioni a tutte le aste, da New York a Ginevra, passando per l’Asia – ma differiscono per entità della cifra da spendere (da 10mila in su per un Rolex, da 100mila in su per Patek e Vacheron).

Prezzi che si traducono anche nelle quantità: il report LuxeConsult-Morgan Stanley stima che nel 2021 Rolex abbia prodotto 1,05 milioni di orologi, 980mila in più di Patek Philippe e quasi il doppio di Omega. Il secondo motivo del successo di immagine e di vendite di Rolex è la strategia di comunicazione: la maison sponsorizza atleti e competizioni di sport molto diversi, dal tennis al golf, dalla vela alla Formula Uno, ma anche numerose istituzioni culturali e artistiche, dall’Academy per gli Oscar del cinema alla Scala di Milano. Ci sono poi le partnership con esploratori e difensori dell’ambiente e il programma mentor&protégé, per scoprire e far fiorire nuovi talenti nelle arti.

In altre parole: un orologio Rolex non è solo un orologio. Non è neppure uno status symbol nella vecchia accezione del termine: chi lo porta non manda soltanto un segnale di ricchezza, vuole far capire che appartiene a un mondo. Non esattamente un club ristretto, visto il numero di prezzi prodotti superiore al milione (contro i 60mila di Patek e i 30mila di Vacheron), ma che mantiene un mix inimitabile di caratteristiche: qualità svizzera, immagine internazionale e di successo legata a personalità di spicco dei campi più disparati. Se Rolex fosse quotata, è difficile immaginare che azionisti grandi e piccoli sottoscriverebbero la rinuncia ad assecondare la domanda. Ma Rolex è controllata dalla Fondazione Hans Wildorf (dal nome del suo fondatore) e non deve preoccuparsi di trimestrali e andamenti in Borsa. La visione di lungo periodo, forse, si dimostra la miglior strategia di marketing possibile.

di Giulia Crivelli
su www.ilsole24ore.com

Contatti

Address

Via Andrea Costa 7, Milano, 20131 Milano IT

Phone

Phone: +39 02.2610052

Email

redazione@marketingjournal.it