Lusso online: i social sono i nuovi poli per la vendita di prodotti falsi?

Anche il mercato nero della contraffazione di lusso si adegua ai tempi che corrono, ed è così che Facebook e Instagram si sarebbero trasformati nei nuovi poli virtuali per la vendita di prodotti fashion di lusso rigorosamente fake.

A sostenerlo è l’agenzia Reuters, che non manca di riportare alcuni esempi. Nonostante la lotta di Meta per impedire la proliferazione di questo mercato, falsi Gucci, Fendi, Prada, Chanel, Louis Vuitton, e tanti altri, continuano a essere venduti quotidianamente sulle piattaforme di Mark Zuckerberg.

Questi social media sono diventati a tutti gli effetti degli hot spot per compravendita di imitazioni di marchi di lusso, prendendo il non ambito posto che fino a 5-10 anni fa spettava rispettivamente a Amazon e eBay. I falsari sfruttano gli strumenti di messaggistica pubblica e privata per raggiungere gli utenti e aggirano i controlli che non sembrano essere sufficienti per bloccare il fenomeno.

Un’indagine guidata dalla società di analisi dei social media Ghost Data e condivisa esclusivamente con Reuters, mostra più nel dettaglio l’ampiezza del fenomeno. Un uno studio che prende in esame l’arco temporale giugno-ottobre 2021, la società ha identificato più di 26mila account dediti alla contraffazione di lusso su Facebook e circa 20mila profili su Instagram, in aumento rispetto al conteggio dello scorno anno ma in calo rispetto al picco del 2019 quando erano stati identificati  circa 56mila account. A livello geografico, circa il 65% dei falsari virtuali avevano sede in Cina, seguito dal 14% in Russia e dal 7,5% in Turchia.

Il commercio online è una priorità chiave per il business di Meta che, negli anni, ha creato nuove e sempre più intuitive funzionalità d’acquisto per incrementare le entrate. Ma contemporaneamente la società deve far fronte a pressioni come il monitoraggio degli annunci e la crescita degli utenti che vendono merce contraffatta che rappresentano ormai un problema persistente che l’azienda deve anche affrontare in maniera continuativa attraverso il controllo di legislatori e autorità di regolamentazione sulla moderazione dei contenuti. Per quanto riguarda gli acquirenti, invece, questi sono consapevoli di non acquistare un prodotto originale e i danni includono i colpi alle vendite e alla reputazione dei brand, potenziali problemi di sicurezza delle merci non regolamentate e legami tra contraffazione e attività criminale organizzata.

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, che ha stimato che il commercio globale di prodotti contraffatti è stato di 464 miliardi di dollari (407,2 miliardi di euro) nel 2019, ha spiegato che il boom dell’e-commerce nel 2020-21 ha portato anche a una crescita massiccia della fornitura di merci contraffatte online.

Secondo quanto riportato da Bof, Chanel, Gucci e Prada hanno affermato che la loro lotta contro i contraffattori ha portato alla rimozione di centinaia di migliaia di post sui social media lo scorso anno. Dal canto suo, il colosso del lusso di Bernard Arnault, Lvmh, avrebbe speso circa 33 milioni di dollari per combattere la contraffazione nel 2020.

Contatti

Address

Via Andrea Costa 7, Milano, 20131 Milano IT

Phone

Phone: +39 02.2610052

Email

redazione@marketingjournal.it